Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Porto, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili
Variaciones apellido: lo Porto - del Porto
Heráldica de la familia: Porto
Variaciones apellido: lo Porto - del Porto
Corona de la nobleza Porto
E' questa una delle potentissime famiglie che dominarono il Comitato vicentino come Vicecomites del Vescovo. Possedette i castelli di Vivaro e di Valvegna da antichissimo tempo. Si ha memoria del nome e della cospiua posizione della famiglia dal XI secolo e già si sa che nella ripartizione del Comitato alprincipio del secolo X i Porto erano fra i vassalli più influenti e considerati del Vescovo. Già sotto l'impereratore Enrico V, per i molti servigi resi all'Impero, avevano avuto il privilegio di portare l'aquila imperiale, e Carlo V, confermando il precedente favore imperiale, concesse a questa Casa il titolo di conte... Continuará
palatino e cavaliere aurato, innalzando altresì a contea, con diploma 14 dicembre 1532, la giurisdizione di Vivaro e Valvegna che, come fu detto, tenevano in qualità di Vicecomites. Tali titoli furono confermati dal Senato Veneto il 26 settembre 1729 ed il 27 marzo 1730. La famiglia è da considerarsi altrsì fra le più antiche del Consiglio vicentino, coltre essere stata iscritta al nobile Collegio dei giudici. Titoli e nobiltà furono confermati colle S.R.A. 25 agosto 1820 e 15 luglio 1821. Motto della famiglia: Dabit deus his quoque finem. Altro ramo. Famiglia molto antica e nobile di Vicenza, al dir Mugnos, indi passata in Milano; resa celebre per una bravura d'Ippolito del Porto capitano dell'Imperatore Carlo V; il quale guidando una compagnia di lancieri nella guerra contro Federico duca di Sassonia, nel combattimento lo prese valorosamente per la banda, e lo condusse prigioniero dal detto imperatore, da cui un premio di 400 scudi annui si ebbe, il titolo di conte, e l'uso d'inquartare l'arme di Sassonia. Intanto da Vicenza come nota Inveges appoggiato al Baronio, un ramo di tal famgilia passò in Sicilia per un progenitore di detto Ippolito chiamato Nicolò del P., che si stabilì in Messina, ove si distinsero: un Leonardo capitangenerale delle galere sotto il vicerè De Vega, e si sa che acquistò i feudi di Burraiti, Granatelli e Ragalmuti; un Salvatore barone del Summatino 1456; un Andrea capitano 1514; un Gascone investito 1518, capitano 1538, provveditore dei r. castelli 1551, capitan di cavalleria 1552, cavaliere di s. Giacomo della Spada ecc.; un Gaspare, che accquistò il titolo di conte di Summatino, ed un Francesco cavaliere gerosolimiginaria dell'Emilia Romagna.

Comprar un documento heráldico de Porto

Escudo de la familia: Porto
Variaciones apellido: lo Porto - del Porto

Escudo de la familia Porto

1 Blasòn de la familia Porto

D'argento al capriolo di rosso.

Escudo de la familia Porto (Bologna)

2 Blasòn de la familia Porto (Bologna)

D'oro ad una fascia alzata d'azzurro, accompagnata in punta da un giglio dello stesso, col capo d'azzurro caricato di un giglio d'oro.

Escudo de la familia Porto

3 Blasòn de la familia Porto

Partito: nel 1° d’azzurro, a due fasce ondate d’argento, accompagnate nella punta da due bande d’oro, abbassate sotto d’una riga dello stesso; col capo d’oro caricato da un’aquila bicipite di nero spiegata e coronata all’imperiale; nel 2° fasciato d’oro e di nero di otto pezzi, al crancellino di verde, attraversante.

Porto (del o lo) di Sicilia. Citato in "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook