Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Pratolongo, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili
Heráldica de la familia: Pratolongo
Corona de la nobleza Pratolongo Nome di una onoratissima schiatta di navigatori e commercianti liguri, che si incontra fin dal 1224 in atto di maestro Salmone: "Sacri Palatii notarii", in cui si attesta che il 22 marzo di quell'anno, un tale Salvo ha dato a mutuo 24 soldi di Genova a Raimondo de Pratolungo. Nella chiesa di S. Sirio esiste la tomba del magnifico Nicolò. In atti del 1587 è nominato un Bartolomeo. Frequenti furono i parentadi stretti dalla famiglia con donzelle straniere, principalmente di famiglie di Lisbona, come Turpia e Metella, in conseguenza delle relazioni commerciali della famiglia. Un Sebastiano fu tenente nelle guardie... Continuará

nobili. Raffaele ai tempi nostri, fu sindaco di Genova. Nel 1813 un degno figlio di questa casata, Vincenzo, negoziante integerrimo sposò Teresa Oliva, come cantano vari epitalami amorosamente conservati in famiglia. Questa fu donna di alto sentire, che rimasta vedova nel fiore dell'età, si dedicò ai figli e alle opere di carità, ricoprendo la carica di Dama di Misericordia, vetusta istituzione elemosiniera genovese. Morì nel 1857. Rocco Domenico, loro figlio, partì nel 1845 pel Perù, ove men buona fortuna aveva incontrato un suo fratello. Con sagacia ed attività pervenne in breve a cospicua posizione finanziaria e sociale. Memore sempre della patria collaborò in pubblicazioni coloniali italiane, come l'Archivio Economico Amministrativo, il Monitore delle Colonie; fu largo di aiuti ai connazionali emigrati colà, come presidente della Società Italiana di beneficenza e di quella di Patronato agli Emigranti. In considerazione appunto di atti generosi compiuti in patria e all'estero in pro' di italiani, S. M. il re Vittorio Emanuele II gli concesse il titolo di conte trasmissibile ai discendenti maschi da maschi in ordine di primogenitura con R. D. motu proprio dell'11 marzo 18877 seguito da RR. LL. PP. di S. M. il Re Umberto I del 29 luglio 1878. Il conte Rocco fu pure grand'ufficiale della Corona d'Italia e dei SS. Maurizio e Lazzaro, e console generale dell'Uruguay dopo il suo ritorno in patria, avvenuta nel 1883. Egli aveva sposato a Lima Cristina De Arambura Echeverria, di nobile famiglia spagnola originaria di Zummarrega (Guipzucoa), trasferitasi al Perù nella seconda metà del secolo XVII al seguito del vicerè, con Martino colonnello di cavalleria. lo stemma con D. M. del 4 marzo 193, spos.


Comprar un documento heráldico de Pratolongo

Escudo de la familia: Pratolongo

Escudo de la familia Pratolongo

1 Blasòn de la familia Pratolongo

Spaccato: nel primo partito, a)di rosso, al leone d'oro fissante un sole uscemte dal cantone destro del capo, b)d'azzurro, alla colomba tenente nel becco un ramo d'alloro e volante verso la metà d'un pioppo movente dalla partizione, il tutto al naturale; nel second d'azzurro, a tre bande d'oro. Sostegni: Due grifoni.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome