Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Rubeis, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Duchi - Nobili
Nachname Variationen: Rubei - de Rubeis
Heraldik die Familie: Rubeis
Nachname Variationen: Rubei - de Rubeis
Krone des Adels Rubeis Vecchia famiglia che i documenti affermano originaria di Ymelberg (probabilmente Himmelberg in Carinzia), e apparsa in Udine nella prima metà del quattrocento con un Antonio, detto Rubeus, qm. Cristoforo di Ymelberg, fattore del nob. Carlo della Torre. Non va confusa con essa l'altra famiglia de R. di Cividale, cui appartenne il padre G.F.B.M. de R., padre della storia friulana. Gli annali della comunità udinese non ricordano l'aggregazione di questa casa alla nobiltà cittadina, ma sta di fatto che essa è elencata fra le nobili nella cronaca cinquecentesca detta Ugolina, la quale dice testualmente: "Rossi ovver Rubei, questi anticamente erano ... Fortsetzung folgtdi bassa condizione, ma mediante le virtù dell'ecc. dott. messer Flaminio sono honorevoli cittadini". Altra cronaca delle famiglie di Udine esistente alla Marciana (Cl. VII, cod. 1677) la dice ammessa all nobiltà udinese nel 1460. Prima del dottor Flaminio nominato dalla cronaca, illustrò la famiglia suo padre Giovanni, nato nella seconda metà del sec. XV, giureconsulto e cavaliere, giudice vicario dei luogotenenti veneti in Friuli, che rimasto vedovo della nob. Francesca de Hellaris, vestì l'abito clericale, divenne canonico di Ceneda e morì nel 1568 vicario in temporalibus del cardinale Michele Torriani. Il figliol suo Flaminio, valente avvocato, pubblicò due volumi di consigli legali, ch'ebbero lode anche fuori d'Italia, un trattato "de adulterisios" ed altre opere. Morì nel 1599. Altro Flaminio (n. 1601) esercitò l'avvocatura e fu nominato cavaliere. Bartolomeo (n. 1706) entrò il 27 agosto 1749 nel nobile consiglio di Udine. Raggiunse una certa notorietà il figliol suo Gio. Batta, valente pittore e dotto nella letteratura pittorica. Pubblicò un trattato sui ritratti in italiano e francese, che fu stampato a Parigi nel 1809. Carlo, dottore figlio di Bartolomeo, fu nel 1815 e 1816 prefetto di Rovigo. Leonardo nel 1848-49 fece parte della legione friulana che partecipò alla difesa di Venezia. La famiglia nel 1700 si divise in due rami. Il primo precedente da Francesco qm. Bartolomeo si è estinto colla morte testè avvenuta (Udine 3 marzo 1932) della nob. Carolina vedova del conte Giuseppe Uberto Valentinis, il di cui nonno Flaminio fu confermato nobile con S.R.A. il novembre 1820 e 13 maggio 1825. Il secondo, difamiglia contrasse matrimonio colle seguenti nobili famiglie: Brunelleschi, di Prampero, del Torso, Rizardis, Bissoni, Rinaldi, Antonini di Montegnacco, della Porta, Frangipane, Freschi, di Caporiacco, Colombatti, Beretta, Orgnani ecc. ... Fortsetzung folgt
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Rubeis

Familien-Wappen: Rubeis
Nachname Variationen: Rubei - de Rubeis

Familien-Wappen Rubeis

1 Blasonierung die Familie Rubeis

Partito: nel primo ripartito: a) troncato convesso d'argento e di rosso; b) di azzurro; nel secondo d'oro all'aquila di nero movente da sinistra verso la punta.

Rubeis (de) originari del Friuli. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. V pag. 848-849.

Familien-Wappen Rubeis

2 Blasonierung die Familie Rubeis

Spaccato; nel 1° di verde, a tre stelle d'argento, ordinate in fascia; nel 2° palato d'oro e di verde; colla fascia d'oro, attraversante sulla partizione.

Rubeis (de) originari del Friuli. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, pag. 455, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome