Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Sanmarini, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Araldica della famiglia: Sanmarini
Corona nobiliare Sanmarini Famiglia bresciana che si ritiene ramo staccatosi sullo scorcio del secolo XIV dal più antico ceppo di Brognoli, i quali da Gandino bergamasco si propagarono nel Bergamasco e in fine nel Bresciano. Questo Gandino di Bergamo, probabilmente, si arricchì col commercio dei pannolani, che era in quei tempi fiorentissimo nella borgata. Così riferisce Celestino nella sua "Historia de Bergomo": "Quivi è il maggior traffico di pannina che in tutta la Valle, poichè da Gandino solo escono ogni anno da tremila panni alti, et quattromila de bassi, che si mandeno in Hungaria, in Polonia, Alemagna alta e bassa, nella Marcha, Romagna,... Continua
et nel Regno di Napoli. Per queste egli è pieno di mercanti ricchissimi, et copioso di superbi palagi". La prova di tali diramazioni è data dai codici cartacei, esistenti nell'Archivio Comunale di Brescia, nei processi di Nobiltà. E' da notarsi però che non tutta la famiglia di Bergamo e Brescia derivarono dai Brognoli. G.Mozzo, nel suo "Massimario", riferisce come già nel 1217 vivesse in Bergamo un Albertus. Mentre la famiglia Brognoli di Brescia, che fu confermata nell'antica nobiltà con Sovrana Risoluzione del 1818, va estinguendosi con Elisabetta, figlia di Annibale, sposata in Calini. La famiglia di Brescia si è trasferita da molti anni a Milano ed ivi è suddivisa in vari rami, a nome dei quali il generale Alessandro Sanmarini, defunto nel 1904, ottenne il riconoscimento della nobiltà con D. M. 5 luglio 1900. Il Crollalanza nel suo dizionario Storico-Blasonico errò evidentemente, dichiarando estinta questa famiglia. Appartenne a questa casata il padre Marco Sanmarini (n. in Brescia verso il 1541, dec. il 20 maggio 1594), dei Canonici Regolari di S. Salvatore, celebre orientalista, profondo conoscitore e pratico espositore delle lingue greca, ebraica, caldea ed araba, e che il dotto gesuita Cotton chiamava il Pisciano della lingua ebraica. Fu segretario-interprete della Repubblica Veneta per la corrispondenza coi Turchi Egiziani e Persiani; Revisore dei testi ebraici presso Papa Gregorio XIII, protetto dal grande mercante Principe Giacomo Boncompagni, al quale il Sanmarini dedicò il suo Dizionario. Nel 1580 pubblicò la sua Grammatica della lingua santa che, per il suo entusiasmo per l'ebraico, intitolò Hortus Eden; nel 1593, cima, e quasi indispensabile, per chi interpreta lo studio della Bibbia sul testo originale.

Compra un documento araldico su Sanmarini

Stemma della famiglia: Sanmarini

Blasone della famiglia

Troncato: primo partito: a) di rosso a tre bande d'argento; b) d'oro alla mezz'aquila di nero, armata e linguata di rosso uscente dalla partizione; secondo grembiato: a) d'oro alla mezz'aquila come nel secondo punte; b) d'azzurro al monte ghicciato, uscente dal mare; c) di rosso a tre palle d'argento due, uno.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome