Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Sartini, país de origen: Italia

Nobleza: Conti - Nobili - Patrizi
Heráldica de la familia: Sartini
Corona de la nobleza Sartini
Questa famiglia, molto nota nel Trentino, a quanto stabilisce la tradizione e come fu accertato in base a documenti, da una sentenza 7 settembre 1923 del Tribunale di Novara, è originaria di Peio, nella cui chiesa parrocchiale è la tomba di famiglia, che risale al 1600. Il primo di cui si ha memoria è un Martino Sartini notaio, vissuto nella seconda metà del 1400. Uno dei suoi discendenti fu il celebre è padre gesuita Martino, che nel secolo XVI fu il primo missionario che andò in Cina e la percorse quasi intieramnete facendo importanti studi specialmente geografici sul paese. lasciò... Continuará

un'opera insigne intitolata: "Atlas cinensis". Hanno lasciata chiara memoria i due dottori Carlo Fabiano e Girolamo, vissuti nella seconda metà del seicento; il primo fu Assessore delle Valli di Non e di Cles, il secondo, rimase fino alla morte suo segretario. Questa famiglia fu innalzata alla nobiltà dal principe Massimiliano Dioetrichstein, con diploma 27 novembre 1641 col predicato di Valle Aperta. Un ramo, di cui vivono ancora i discendenti, i trasferì prima a Salorno, poi a Trento. Giovanni Andrea, nato nel 1751 a Salorno, portatosi a Trento, vi occupò una posizione assai notevole, tanto che Carlo Teodoro di Baviera, Vicario Imperiale, con diploma 30 settembre 1790 lo innalzò alla dignità di cavaliere del S.R.I. con tutti gli annessi privilegi, autorizzandolo a portare lo stemma tuttora usato. La famiglia Sartini del Trentino è oggi quasi tutta sparsa nei vecchi confini d'Italia, perchè i suoi membri perseguitati dall'Austria, dovettero emigrare, parte nel 1848-49, e parte nel 1859-60. Nel 1848-49, si distinsero nella difesa di Venezia e specialmente a Marghera i fratelli Federico e Martino, anzi il primo quale capitano d'Artiglieria fu portato all'ordine del giorno della Repubblica veneta. Nel 1867 un terzo fratello Giuseppe Morì nella lotta contro il colera ed ebbe la medaglia d'oro per i benemeriti della salute pubblica. La nobiltà ed i cavalierato del S.R.I. e lo stemma furono riconosciuti con Decr. Pres. 10 agosto 1924. Un altro ramo della stessa famiglia, che da Peio passò a Revò, fece capo al celebre Carlo Antonio, che tanto in diplomazia, quanto nella magistratura raggiunse le più alte cariche e fu Presidente della Corte Suprema di Giustizia a Vienna.


Comprar un documento heráldico de Sartini

Escudo de la familia: Sartini

Blasòn de la familia

Troncato: al primo, d'oro, all'aquila di nero, linguata di rosso, posata sulla vetta di un monte di 5 cime, all'italiana, d'argento, caricato di uno scaglione di rosso, nascente sulla partizione; al secondo d'azzurro al giglio d'argento con una fascia dello stesso cannellata inferiormente, ritirata nella parte superiore del campo azzurro. Cimiero: Mezz'aquila di nero, linguata di rosso, addossata ad un mezzo giglio d'argento.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome