Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Scandura, provenienza: Italia

Titolo: Baroni
Araldica della famiglia: Scandura
Corona nobiliare Scandura
Famiglia siciliana, che si ritiene originaria dalla Baviera. Alfonso, consigliere di Stato di re Filippo II, dichiarato da questi traditore perché coinvolto in una congiura del regno a danno del monarca, fu privato di tutte le sue ricchezze ed onori e condannato all'esilio. Rifugiatosi in Roma, trovò protezione ed aiuto da Clemente XIII e Urbano VIII e morì in detta città nel 1622 lasciando un unico figlio, Ludovico, cavaliere di papa Urbano, morto anch'esso in Roma nel 1641. Santi, figlio di quest'ultimo, ritornò in Spagna e servì nelle truppe austro-spagnole, col grado di capitano e con le predette,... Continua
si recò in Sicilia stabilendosi in Siracusa, alla cui Mastra Nobile fu ascritta la sua famiglia che diede senatore, cavalieri e giureconsulti fra i quali un altro Santi, morto nel 1641, ed un Lodovico, morto nel 1794. Giacomo De' Piro Scandura, il 20 settembre 1768, fu l'ultimo investito del titolo di barone di Salsetta e Montagna e da questi discendono i rappresentanti di questo ramo. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di barone di Salsetta e Montagna (mpr). Motto della famiglia: Scander. Altro ramo. Ramo dell'omonima famiglia originaria di Monaco Vincenzo, ten. col. dei Reali Eserciti, e barone di S. Elia, con privilegio del 1° settembre 1767, fu investito del titolo baronale della Pira. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano coi titoli di barone di S. Elia (mpr.), e barone della Pira (mpr.), in persona di Giuseppe, di Vincenzo, di Corrado.
Compra un documento araldico su Scandura

Stemma della famiglia: Scandura

Blasone della famiglia

D’azzurro, a due leoni affrontati contra-rampanti ad una spada d’argento, manicata d’oro, la punta all’ingiù, accompagnata nel capo da tre stelle d’argento, ordinate in fascia.
Scandurra d’Epiro. Citato in "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome