Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Scanto, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Scanto
Corona nobiliare Scanto Antica ed illustre famiglia, originaria di Touraine, in Francia, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Europa e d'Italia. Dalla celebre opera di JB Rietstap, " L'Armorial Général", rinveniamo che, tal casato, venne nobilitato nel 1741, T questa famiglia nobilitata nel 1741, col titolo di Barone di Champchevier, del cui feudo fu investito. Altro ramo. Antica famiglia, di origine inglese, venuta in Galizia, nella persona di un Giovanni. I discendenti di questo, successivamente, giunsero in Portogallo e, precisamente, nell'isola di Terceira. Un Pedro, di Giovanni e Francisca da Silva, visse con virtù in detta isola e fu il primo... Continua

servitore delle sue forze armate. Tale famiglia fu elevata al grado di nobiltà, con lettere patenti del 28 gennaio 1539, in Persona di D. Giovanni III, per i suoi alti servigi resi alla patria, sotto assedio, da parte del re di Fez. Altro ramo. Antica ed illustre famiglia romana originaria di Touraine, di cui, purtroppo, da remoto tempo non sono più pervenuti aggiornamenti araldici. Tuttavia, che i membri della famiglia Scanto siano stati di elevata condizione, lo riprova la presenza del casato nel "Dizionario Storico-Blasonico" del commendatore G.B. di Crollalanza che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia, in quelle città ove ebbe dimora, ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.


Compra un documento araldico su Scanto

Stemma della famiglia: Scanto

Blasone della famiglia

Di rosso, a due pesci addossati d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome