Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Scarlatto, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Scarlatto
Corona nobiliare Scarlatto
Scarlattini da Castelfiorentino fu padre di Nuto e di Neri, dal primo dei quali ebbe origine la famiglia Scarlatti, e dal secondo quella Scarlattini. Ser Scarlotto di Nuto, notaio, ottenne la cittadinanza fiorentina; fu mandato ambasciatore nel Valdarno, nel 1355; fu tra i gonfalonieri di compagnia nel 1372 e nel 1379 e fu ucciso nel 1389. Con Antonio, suo figlio, incomincia la serie dei tredici priori che dal 1428 al 1527 dette la famiglia Scarlatti al Comune di Firenze. Tra i molti figli di Antonio, Bernardo fu commissario a Montecatini nel 1496, Luigi capostipite di un ramo che si estinse... Continua
nel 1791 e Tommaso fu padre del Beato Bernardo, francescano morto nel 1596, e di Nicolò, da cui provengono i due rami tuttora fiorenti di Firenze e di Lisbona. Altro ramo. Nobile famiglia fiorentina, stabilitasi a Roma nel XVII secolo. Filippo nel 1698 fu Priore dei Caporioni, Giuseppe lo fu nel 1726 e Augusto nel 1777. Questa famiglia ha dir dello storico Amayden era sicuramente comprese tra quelle raccolte nel Libro d'oro del Campidoglio. Dalla bibliografia documentata sui manoscritti della Vaticana può rilevarsi il numero relativamente esiguo delle memorie riguardanti le famiglie romane. Se si tralasciano le fonti sospette del Ceccarelli, del Fanusio, del Metallino le cui favole furono in parte accettate al Iacovacci; ci rimane il repertorio vastissimo di quest'ultimo. Constatando che non esiste un Nobiliario romano, ma trovasi nell'Archivio Segreto della Santa Sede un grosso volume dal titolo: Famiglie ascritte al libro d'oro del Campidoglio. Infatti il libro fu distrutto dalla rivoluzione, ma l'elenco datoci da Benedetto XIV nella sua costituzione Urbem Roman del gennaio 1746, ed in base al medesimo Pio IX il 2 maggio 1853 ordinò la rinnovazione del Libro d'Oro fatto per cura di una congregazione araldica capitolina. L'elenco delle famiglie ascritte al Libro d'Oro conservato nell'Archivio Vaticano, e molto esteso perchè abbraccia anche le famiglie patrizie estinte da secoli. La famiglia ebbe nobiltà riconosciuta tra il 1600 e il 1700 anno in cui Teodoro Amayden eseguì le sue ricerche e compose "Ragguaglio di tutte le nobiltà delle famiglie antiche et moderne di Roma... et famiglie straniere. Fondo Vaticano n.7957, fol. 58".

Compra un documento araldico su Scarlatto

Stemma della famiglia: Scarlatto

Blasone della famiglia

D'argento, al capriolo di rosso, accostato da tre stelle dello stesso, due in capo, ed una in punta; col capo d'Angi
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome