Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Smaria, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi
Araldica della famiglia: Smaria
Corona nobiliare Smaria
Nota in Cefalù, Acireale, Palermo. Un Sigismondo con privilegio del 4 luglio 1508, ottenne il titolo di regio cavaliere; un Giacomo, da Trapani, fu chiaro giureconsulto lodato dal Mongitore (Bibl. Sic. vol. I, pag. 301: "Drepanitanus jureconsultus doctissimus, ac primarium causarum patrones. Floruit anno 1650. Multa in jure scripsit at solum extant: Allegationes apud Paulum Peramuntum in conflictu jure consultorum". (Panormi typis Agustini Bsii 1671 in fol.); un Antonio, palermitano, fu filosofo e medico illustre e di lui lo stesso mongitore (Bibl. Sic. vol. I, pag. 69) scrisse: "Panormitanus Philosophiae et Medicinae doctor eximius. Panormi non sine laude medicinam... Continua
fecit, ibique decessit 10 octobris 1672 et in Ecclesia S. Francisci Minorum Conventualium sepultus est. Huius extat; Epistola eruditissima de rebus botanicis ad Angelum Mariam Bonfante, in libro cui titulsu; Bizzarrie botaniche di alcuni semplicisti di Sicilia, pubblicate e dichiarate da Nicolò Gervasi. Neapoli, apud Novellum de Bonis, 1673, in IV"; un Giuseppe acquistò i feudi di Alburquia e Capuano e Cavalieri e ne ebbe investitura a 10 settembre 1714, sposò Rosalia Giangallo, fondò in Gangi il Collegio di Maria 1759; un Carlo, di Giuseppe, fu cavaliere Costantiniano, proconservatore in Cefalù negli anni 1732, 1734, 1758, ebbe investitura di Alburquia e Capuano a 26 marzo 1764 e sposò Anna Ortolano, dei baroni di Bordonaro; un Alessandro, di Giuseppe, fu investito del feudo Terrati a 20 settembre 1737 e sposò Regina Gallegra e fu giurato di Cefalù nel 1767-68; un Francesco Antonio, di Giuseppe, dottore in leggi, investito del feudo Cavalieri a 27 settembre 1737, fu giudice pretoriano di Palermo nel 1751-52; del tribunale del Concistoro negli anni 1755-56-57, regio avvocato dei poveri del Regno, acquistò la baronia di Casalnuovo della quale fu investito a 5 giugno 1767 e morì senza figli; un Antonino, da Mazzarino, con privilegio del 26 aprile 1741, ottenne il titolo di barone del Pileri; un Vincenzo fu acatapano nobile di Acireale nel 1745-46 e tenne nella stessa città la carica di capitano di giustizia nel 1761-62; un Paolo, figlio di Giulio e di Maria Violante (la quale a 27 maggio 1746 fu investita di Bordonaro Sottano) ebbe dal nonno Andrea Violante Alliata donazione del feudo Alleri e investitura dei feudi di Alleri e Mustimacucco e di Bordonaro Sottano; un Ignazio Smaria e Gallegra, figlio di Alessandro, succedette allo zio Francesco Antonio nella baronia di Casalnuovo e ne fu investito a 4 luglio 1788 e sposò Maria Muzio; un Alessandro Smaria e Grassi fu acatapano nobile di Acireale nel 1799-1800; un Carlo Smaria e Gallo fu giurato di Cefalù nel 1801-2.
Compra un documento araldico su Smaria

Stemma della famiglia: Smaria

Blasone della famiglia

D'azzurro alla banda di rosso orlata sopra di argento, sotto cucita, accompagnato in capo da una cometa d'oro in fascia; e in punta dalla torre di due palchi fondata sul monte delineato in banda, uscente dall'angolo della punta: il tutto al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome