Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Stacco, país de origen: Italia

Nobleza: Baroni
Heráldica de la familia: Stacco
Corona de la nobleza Stacco
Sulle origini di questa famiglia goriziana si sbizzarrì la fantasia dei vecchi genealogisti, facendola discendere chi dal senese Ghino di Tacco, reso celebre dal Boccaccio, che ne fece uno dei protagonisti della novantaduesima novella del Decamerone (lo Czoernig a pag. 784 del suo "Das Land Gorz und Gradiska" Vienna 1873, accenna a tale origine senza evidentemente prestarvi fede), chi dalla famiglia dei conti del Tacco di Capodistria, (a questa lo Czoernig sembra, a torto, attribuire maggiore attendibilità), chi un Tacco egiziano che nel XIII secolo sarebbe passato a Venezia, dove col commercio avrebbe accumulato grandi ricchezze. Tutte affermazioni campate nel... Continuará
vuoto, prive di qualsiasi documentazione e credibilità.Vero è invece che sono oriundi di Cormons, dove nella seconda metà del secolo 500 risiedevano diverse famiglie di questo nome in condizione borghese e taluna in ovvero stato, tutte probabilmente provenienti dallo stesso ceppo. I loro nomi abbondano nei registri parrocchiali del luogo, e fra gli atti che li riguardano troviamo in un registrodi morti il seguente : 1596, 14 aprile "Obiit in Christo Desideria relicta qm Baptae dicti Tacco". Dizione che farebbe pensare piuttosto a un nomignolo che a un vero cognome. Verso quest'epoca un Andrea della famiglia cremonese si arruolò nell'esercito arciducale e nel 1590, durante la guerra col Turco, prese parte all'assedio della fortezza di Petrina nell'Illirico, sotto gli ordini del nobile goriziano Gio. Batta Coronini. Per il suo comportamento durante la campagna l'arciduca Ferdinando, in data 17 luglio 1596 da Graz, gli rilasciò un diploma di nobiltà degli stati ereditari austriaci. Dalla consorte Catterina, nobile goriziana ebbe il figlio Francesco, che nel 1634 faceva il notaio. Da questo nacque Andrea, che fu cancelliere del capitanato di Tolmino fece acquisti di terreni a Cormons e S. Floriano e sposò la nobile Adriana Romano di Gorizia. I figli di questa, dottore Bartolomeo medico e Carlo (n. a Torino 1670 dec. Cormons 1742), ottennero dal Principe Giovanni Sigfrido di Eggenberg conte principesco di Gradisca, con diploma dato Eggenberg il 1° luglio 1698, il predicato di Folsenstein, e l'anno dopo dall'imperatore, con diploma dato da Laxenburg il 18 maggio 1699, il titolo di baroni del S. R. I. con l'a Elti, e suoi discendenti.

Comprar un documento heráldico de Stacco

Escudo de la familia: Stacco

Blasòn de la familia

D'azzurro alla tortora d'argento col ramo d'olivo nel becco, sostenuta dal colle di tre cime di verde, la cima centrale pi
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome