Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome Trecca, país de origem: Italia

Nobreza: Marchesi
Heráldica da família: Trecca
Coroa de nobreza Trecca Maffino Stanga, come risulta da istrumento 8 ag. 1343, rogato dal notaro imperiale Cauzzino de' Cauzzi, cittadino cremonese, era padre di Niccolino. Questi procreò Corrado, che fu padre di Gian Francesco e Gian Antonio. Costoro, da Bianca Maria, duchessa di Milano, con due Privilegi del 3 dic. 1452 e 5 ott. 1457, furono dichiarati esenti da imposizioni e dazii. Gian Antonio, che era divenuto genero del duca Francesco Sforza, ottenne una casa con giardino in Pavia nel 1454. Il duca Filippo Maria Visconti, con Privilegio del 23 aprile 1420, ed in virtù di confisca eseguita a favore della Camera Ducale... Continua

di Milano, e in pregiudizio di Pico Cassani da Soncino, aveva donato ad Oldrado Lampugnani tutti i beni e ragioni che quello possedeva nel territorio d'Annicco, nel vescovato di Cremona, e con ampia immunità da ogni dazio sia imposto che da imporsi. Gian Andrea Lampugnani, erede del su detto Oldrado, volendo alienare tutti i beni al nominato nobile Gianfrancesco Stangam, ne fu riportata l'opportunità facoltà dal duca Francesco Sforza che ne acccordò il trapasso con Diploma 3 marzo 1464, trapasso che fu convalidato con rogito 28 marzo 1465 di Lazzaro Ceirate e Pietro Motta notari in Milano. Dal predetto Gianfrancesco discendono in linea diretta gli attuali rappresentanti la famiglia. Lo stesso Gianfrancesco fu eletto decurione di Cremona nel 1474; Pasquino, nello stesso anno, coprì uguale carica e nel 1480 creato aulico ducale; nel 1475 Corradolo ottenne da Papa Sisto IV l'Abazia commendataria di S. Antonio, che fu poi posseduta da altri cinque della famiglia, e nel 1485 fu governatore a Genova per l'imperatore Massimiliano, fu creato poi consigliere del Duca di Milano e nominato infine protonotario apostolico; il cavaliere Gerolamo fu decurione in Cremona nel 1482 e Pietro e Nicolò nel 1483; Antonio venne ammesso nel Consiglio Ducale di Milano nel 1494. Il ricordato abate Corradolo si rese così benemerito durante il suo governatorato in Genova, che l'imperatore Massimiliano, con suo Privilegio di motuproprio dato in Genova il 6 ottobre 1496 e ivi registrato, dichiarò nobili militi gli Stanga, i loro successori e discendenti, con tutte le prerogative che godevano gli altri nobili del S. R. I., dichiarandoli inoltre conti imperiali palatini con tutte le facoltà di glio del su nominato Gianfrancesco,che acquistò i beni di Annico, ottenne dal Senato veneto, con Patente 8 febbraio 1499 del doge Agostino Barbarigo, conferma dei privilegi che gli aspettavano nel Cremonese.


Compre um documento heráldico sobre família Trecca

Escudo da família: Trecca

Brasão da família

Partito; nel primo d'azzurro a 2 chiavi d'argento poste a croce di S. Andrea, accompagnate in capo da una cometa d'oro e in punta da 3 monti del medesimo, il centrale più alto, moventi dalla punta; nel secondo spaccato; nel primo d'argento all'albero terrazzato di verde e accostato da due leoni rampanti d'argento; nel secondo d'argento a tre bande di azzurro.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome