Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Treddi, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Cavalieri
Araldica della famiglia: Treddi
Corona nobiliare Treddi
Antico casato modenese, il quale risulta fregiato del titolo comitale, trapiantatosi, nel XIII secolo, in Sermide. Altro ramo. Nobile famiglia mantovana, i cui membri si distinsero come capitani nelle milizie dei Gonzaga. Altro ramo. Antica e nobile famiglia, ormai estinta, originaria di Pesaro. Altro ramo. Antica e nobile famiglia, originaria di Bologna, la cui blasonatua è riportata nell'opera "Il Blasone bolognese, cioè Arme gentilizie di famiglie bolognesi, nobili, cittadinesche e aggregate", pubblicata a Bologna tra il 1791 e il 1795, la quale venne concepita da Floriano Canetoli, che si adoperò personalmente nella raccolta degli stemmi, facendo richiesta alle varie famiglie... Continua

nobili e "cittadine" bolognesi, affinché gli trasmettessero "l'arma e l'impresa". La famiglia levò per arme. Di rosso, a tre sbarre d'oro; col capo d'azzurro caricato di un basilisco passante e rivoltato d'oro, la testa rivolta e fissante un sole d'oro movente dal canton destro del capo. Altro ramo. Antica famiglia lombarda, la quale, al dir di illustri genealogisti, verosimilmente, venne fregiato del cavalierato, in seguito ai fedeli servigi, prestati ai Visconti, di un Raimondo Treddi, milite sotto i vessilli del signore di Pesaro, Carlo Malatesta, al quale Filippo Maria Visconti, nel 1426, affidò il comando, per contrastare Venezia. Ma, d'altronde, la famiglia, sempre, riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, ricordiamo: Antonio, dottore in "utroque jure", vivente in Lodi, nel 1489; P. Cristiano, dell'Ordine dei Predicatori, uditore e preposito del proprio ordine, vivente in Bergamo, nel 1532; Francesco, Priore di Verona, che governò sino al 1565, quando morì nel Capitolo Provinciale; cav. Manfredi, architetto ed urbanista, vivente in Lodi, nel 1578; Gio. Battista, vicentino, filosofo e medico, vivente nel 1583; Nicola, protomedico, vivente in Milano, nel 1612; Roberto, consigliere del capitano del distretto di Lodi, vivente nel 1656. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Treddi

Stemma della famiglia: Treddi

Blasone della famiglia

Di rosso, a tre sbarre d'oro; col capo d'azzurro caricato di un basilisco passante e rivoltato d'oro, la testa rivolta e fissante un sole d'oro movente dal canton destro del capo.
Freddi di Mantova. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome