Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Vanino, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Araldica della famiglia: Vanino
Corona nobiliare Vanino Sono chiamati anche Vanini, appartengono alla medesima famiglia fiorentissima a Venezia fino dal 1379; nel quale anno un Andrea è testimonio a Napoli in un atto di noleggio da parte della Repubblica Veneta di certi navigli armati. Mentre alcuni membri di questa famiglia si stabilivano a Bologna, A Venezia, Pasqualin fu Vendramino da Peseggia con suo testamento, rogato dal notaio Trina Gregorio nel 28 settembre 1509, lasciava ogni avere ai suoi congiunti. Giovanni da San Pietro di Castello addetto al porto di Venezia dispone, con rogito 10 febbraio 1525, di essere sepolto nell'area dove riposa sua moglie Catterina sotto il... Continua

portico della chiesa di S. Maria delle Vergini. Regala alla chiesa di S. Giuseppe un calice d'argento. A Giammatteo Parisoto lascia una veste di panno cupo, fodrata di cendà con maniche strette ed al suo domestico Giacomo Livera, un capetano fodrato di zambeloto. Aveva barche con fornimenti grandi e piccoli una filzada barbaresca; una spallera coll'arma, cioè lo stemma del casato, ed altre cose ancora. Oltre ad una Margherita di Francesco, che si trovava nel 1543 nella famiglia del N. H. Giovanni Francesco, la storia ricorda Hieronimo Vanino fiol del quondam ser Francesco Mansionario in la parochial chiesa de Pesegia diocesi di Treviso. Nessuno può dire in quale stato di animo si trovava messer Gerolamo il 6 ottobre 1557, quandò si recò a Rialto dal notaio Nicolò Cigrini per dettargli le sue ultime volontà. Ricorda Maddalena essendo o non essendo mia fia e benefica la fabbrica della chiesa di S. Nicolo di Pesegia. Si può dire che in questo paesello abbiano avuto la culla gli innumerevoli Vanini o Vanino, emigrati in epoche diverse olte che a Venezia, in Francia, a Bologna ed a Legnago. Si ricorda di una cert'Orsola da Pesegia. Essa non può, negli ultimi giorni della sua vita, il che avenne nel febbraio 1563, dimenticare gli amici che la confortarono con prove di affetto. E perciò regala i suoi beni a prè Marcantonio di S. M. Formosa ed a sua madre Maria da Mosto. Da quell'epoca i Vanino lasciano nelle vecchie carte continue memorie. Nel principio del 1700 la famiglia fa capolino a Legnago, innalza un palazzo, si industria, lavora, e lascia di sè buona memoria. Il ramo di Venezia si trova nella fine del 1700 a prendere parte nelle guerre napoleoniche e se ne ritira dopo il Trattato di Campoformio.


Compra un documento araldico su Vanino

Stemma della famiglia: Vanino

Blasone della famiglia

D'azzurro alla testa di leone al naturale.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome