Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Vulcano, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Marchesi
Variazioni cognome: Volcano
Araldica della famiglia: Vulcano
Variazioni cognome: Volcano
Corona nobiliare Vulcano
Antica famiglia sorrentina, feudataria già dal 1269, la quale ha goduto nobiltà in Napoli, ove fu aggregata a quel Patriziato dei seggi di Nido e Capuana e, dopo l'abolizione dei sedili, fu iscritta nel Libro d'Oro napoletano, in Sorrento, ove fu ascritta al seggio di Dominova, in Benevento, in Sessa, in Trani ed in Tropea. Tal casato, originariamente detto Bulcano, ottenne i feudi di Bajano, Carpignano, Mastara, Mercurio, Mileto e Pisciotta; fu investito dei titoli di conte di Noja e marchese di Cercemaggiore e riconosciuto nel S.M.O. di Malta, dall'anno 1509. Si illustrò dando vari cardinali alla Chiesa, tra... Continua

i quali Landulfo, che nel 1309 fu inviato, da Papa Clemente V, in Francia, come legato Apostolico, per la causa dei Templari. Proprio il detto Landulfo modificò l'arma del casato, aggiungendo una rete d'oro sul mare azzurro; successivamente, Antonio, Signore di Mileto, vi appose le tre conchiglie rosse. Nel 1417, Talubardo Vulcano rese omaggio alla regina Giovanna II di Durazzo dopo la sua incoronazione, insieme ad altri nobili. Paolo Vulcano, nel 1499, elargì una cospicua somma di denaro per far curare, senza alcuna spesa, gli infermi e i pellegrini che chiedevano aiuto all'Ospedale di S. Antonio in Sorrento. Per successione casa Doria, la famiglia Vulcano, avendo Roberto Vulcano (1763 † 1825) sposato la marchesa Carlotta Doria, ereditò il titolo di marchese di Cercemaggiore. Annibale (1805 † 1839), marchese di Cercemaggiore, sposò Carolina Bellelli; il loro primogenito, Francesco (Napoli, 1836 † ivi, 1866), marchese di Cercemaggiore, alla morte del padre, morì senza prole e il titolo passò alla sorella Maria Luisa, nata a Napoli nel 1839; nel 1859 sposò a Napoli il principe Michele Dolgoronky. La famiglia levò per arme. D'azzurro graticolato d'oro; col capo del secondo carico di tre conchiglie di rosso, rovesciate e ordinate in fascia. Altro ramo. Famiglia calabrese, probabilmente della stessa agnazione dei V. di Tropea, i cui membri, nel 1593, furono ricevuti per giustizia nel S.M. Ordine di Malta. Decorata del titolo di conte (pers.), per Breve di S.S. Pio XI, 14 novembre 1922, e autorizzata all'uso del titolo nel regno con R.D. 19 febbraio 1928 e RR.LL.PP. 26 detto mese e anno, la famiglia è iscritta nel Libro d'Oro della Nobiltà Italiana e nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di conte, in persona di Giovanni, n. Longobucco 22 febbraio 1889, di Domenico. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Vulcano

Stemma della famiglia: Vulcano
Variazioni cognome: Volcano

Stemma  della famiglia Vulcano

1 Blasone della famiglia Vulcano

D'azzurro graticolato d'oro; col capo del secondo carico di tre conchiglie di rosso, rovesciate e ordinate in fascia.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2015 - 2016 Heraldrys Institute of Rome