Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origine del cognome Zentilini, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Conti - Cavalieri
Araldica della famiglia: Zentilini
Corona nobiliare Zentilini Come giusta il Tiraboschi, la nobile famiglia Bernieri di Correggio, fregiata del titolo comitale, sin dal XVI secolo, era solita esser soprannominata Zentilini, tanto che, spesse volte, essa compare proprio con cotal cognominizzazione. La famiglia levò per arme. Troncato: nel 1° scaccato di due file di nero e d'argento; nel 2° d'argento pieno; il tutto abbassato sotto il capo dell'Impero. Altro ramo. Antica famiglia laziale, la quale, al dir di illustri genealogisti, verosimilmente, godette del cavalierato sin dal XIV secolo, ovvero sin dall'epoca in cui vivevano i fratelli Martino e Francesco Zentilini, cavalieri crociati, i quali, valorosamente, combatterono sotto i... Continua

vessilli del cardinale Albornoz, nelle campagne che sottomisero il Lazio, Spoleto, i Montefeltro di Urbino, i Malatesta di Rimini e gli Ordelaffi di Forlì. Ma, d'altronde, la famiglia, sempre, riuscì a distinguersi, grazie agli elevati personaggi, a cui diede i natali. Tra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: D. Luigi, nunzio apostolico in Rieti, vivente nel 1611; Saverio, dottore in "utroque jure", vivente nel 1621, in Roma; Federico, medico, vivente in Roma, nel 1633; D. Filippo, dottore in Sacra Teologia, vivente in Bologna, nel 1643; D. Mattia, canonico, teologo e protonotario apostolico, vivente in Rieti, nel 1656; Ambrogio, Notaio, vivente in Roma, nel 1652; Gregorio, giureconsulto, vivente in Roma, agli albori del XVIII secolo; Flavio, ingegnere nel corpo pontificio, vivente in Roma nel 1848. La famiglia levò per arme. D'azzurro, all'albero di tre rami di verde, cimato da una stella d'argento. Altro ramo. Onorata famiglia di Vezzana, passata alla storia per aver dato i natali al Mons. Cav. Luigi Zentilini. Egli nacque il 23 febbraio del 1812. Passati 3 anni nel collegio di don Pietro Rigler, fu mandato in cura d'anime cooperatore a Castelnuovo in Valsugana dal 1838 al 1843, ed ivi cominciarono a mostrarsi le sue eminenti qualità e virtù di curator d'anime, di bravo maestro e veramente educatore, nonché la sua carità specialissima verso gli ammalati. Inoltre, come cooperatore in Castelnovo, cominciò a seguire con ogni studio il medico esercente al letto degli ammalati e d'allora in poi non cessò in don Gentilini questo studio appassionato della medicina e questo appassionato esercizio della medesima. Fu quindi Parroco a Lizzana dal 1843 al 1854, dove continuò le sue opere sacerdotali e cristianamente umanitarie sempre con instancabile zelo. E da Lizzana venne a contatto colla dotta Rovereto di allora, entrò in relazione col filosofo Rosmini, e con altri illustri cittadini, i suoi studi di varia natura si estesero, e nel 1851 venne aggregato all'Accademia degli Agiati. Nel 1854 fu fatto Decano di Calavino, ove gli si accrebbero gli affari di cura d'anime, le sue dilette occupazioni scolastiche, e la cura degli ammalati, che sempre più a lui accorrevano da tutte le vallate del Trentino. E già nel 1876 cominciò ad essere eletto deputato alla Dieta e al Consiglio dell'Impero, e tali deputazioni gli continuarono fino al 1891. Veniva egli eletto dal partito conservatore nazionale, che dal 1870 in poi s'era affermato costituendosi e rassodandosi in paese. In qualità di deputato al Parlamento e alla Dieta, si schierò sempre col partito nazionale, sempre elemento carissimo ed efficace di unità e concordia fra i suoi colleghi, senza però mai transigere d'un pelo nei principi e nella vita pratica di sacerdote cattolico. Fu anche decorato Cavaliere dell'Ordine di Francesco Giuseppe, e Prelato domestico di S. S. Leone XIII, ed ai suoi funerali recarono testimonianza di gratitudine e di onore cittadini di ogni ordine accorsi da tutte le vallate del Trentino. Altro ramo. Nobile famiglia di Pescia, la quale levò per arme. Di (...), alla pianta di (...), fiorita di quattro


Compra un documento araldico su Zentilini

Stemma della famiglia: Zentilini

Blasone della famiglia

D'azzurro, all'albero di tre rami su una campagna, il tutto di verde, cimato da una stella d'argento.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook