EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Ghisi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili - Signori - Consignori
Heraldische Spur die Familie: Ghisi
Krone des Adels Ghisi
Antica famiglia della Lombardia con residenza nella città di Soresina in Cremona. Un Martino, nato in Soresina nel 1715, dottore fisico, trapiantò la sua famiglia in Cremona. Cesare, suo nipote ex filio, fu canonico arcidiacono e quindi vicario generale della diocesi di Cremona, abate mitrato di Casalmaggiore, preconizzato Vescovo d Crema, della qual sede non potè prender posesso attesa la sua morte avvenuta nel 1830. I nipoti del precedente, Giuseppe-Carlo e Martino-Giuseppe, Cesare si trasferirono in Firenze, ed il Granduca di Toscana, Leopoldo II, creò il secondo nobile della città di Colle insieme alla consorte, figli e discendenti per linea retta mascolina con diploma 22 novembre 1844. Altro ramo. Originaria di Firenze e trapiantata in Venezia ove rimase inclusa fra le patrizie nella serrata del gran Consiglio. Andrea e Girolamo portatasi ad espugnare le isole di Amorgos, di Tinos, di Miconos, di Skhiros, di Sciatos, di Scopellos, di Scriphos nella... Fortsetzung folgt

Grecia, ne ottenne la signoria per decreto della Veneta Repubblica col titolo di conti. Divisa poi in vari rami, alcuni fiorirono in Mantova ed altri in Lombardia, ed uscirono da essi valenti letterati ed insigni artisti. Monsignore Cesare Ghiso Vescovo eletto di Crema. Altro ramo. Frate Innocenzo Ghisi, dei Predicatori, stampò nel 1587 coi tipi di Girolamo Bartoli, un suo "Ragionamento dell'Unione", per la testa così detta, che celebravasi ogni anno in Genova il 12 settembre. Si à pure alle stampe (Venezia 1594) un "Guiditio di Paride, dialogo di Filippo Ghisi nobile genovese". Altro ramo. Antica famiglia originaria di Nizza. Alla famiglia è attribuito il titolo di consignori di Castelnuovo e di San Salvatore.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Ghisi

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Ghisi

Familien-Wappen Ghisi

1 Blasonierung die Familie Ghisi

Di rosso alla punta d'argento.

Ghisi della Lombardia e di Venezia. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.III, pag. 241 (Lombardia) e vol.I, pag. 472 (Venezia), compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Ghisi

2 Blasonierung die Familie Ghisi

Spaccato ; nel 1° d'azzurro, a tre stelle d'argento male ordinate; nel 2° di rosso, a due colombe al naturale, affrontate, tenenti ciascuna nel becco un ramo di ulivo di verde; con la fascia d'argento attraversante.

Ghisi di Nizza, Consignori di Castelnuovo e di San Salvatore. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 472, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Ghisi

3 Blasonierung die Familie Ghisi

D'argento, al capriolo di rosso, accostato da tre stelle dello stesso, due in capo ed una in punta.

Ghisi di Venezia. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 472, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Ghisi

4 Blasonierung die Familie Ghisi

Di rosso, alla fascia d'oro, dentata, caricata di un'altra in divisa, d'argento, per inchiesta.

Ghisi di Genova. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 471, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook