EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Nivola, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili
Heraldische Spur die Familie: Nivola
Krone des Adels Nivola Questa nobile famiglia è tra le più antiche della città di Bergamo: "ex primaris", (dipl, 1590 nell'arch. com). Prese forse ai confini delle tre vicinie di S. Lorenzo, di S. Pancrazio e di S. Michele dell'Arco, e ricordata nei più antichi statuti. Ancor oggi una viuzza, che da quella ripa conduce a San Michele dell'Arco, si chiama "via R."; qui dunque doveva trovavasi il più antico fortilizio dei R. Ma già nel mille duecento Daiberto, Atto, od Azzone, Berardo, Mazuco e Belfante, diedero origine ai rami Daiberti, Azueli, Berardi, Mazzuconi e Belfanti. Da Belfanti prese denominazione un castello situato sulla collina di S. Michele del Pozzo Bianco verso Pignolo, dove si ridusse a salvamento il vescovo Giovanni nel 1296 quando gli venne incendiato l'episcopio; la denominazione passò poi al baluardo sorto sopra le rovine di quello nel 1561. Un alto fortilizio avevano i R. a Comonte, e venne... Fortsetzung folgtdiroccato dal Piccinino; intorno si stendevano vasti possedimenti dei Mazucconi, dei Berardi e degli Azuelli, in Seriate, Albano, Costa di Mezzate, Brusaporto e Bagantica; nel 1386 Anselmino, di Guglielmo Berardi, donò ad Arrigino 5000 pertiche di terra in Comonte, Seriate, Albano e Brusaporto. In compenso delle devastazioni subite Federico Nivola ebbe da Venezia feudo nobile e gentile in Colognola, Verdellino e Stezzano nel 1433, Facino ottenne investitura feudale nel 1443. E' rimasto un ricordo del possesso di Comone anche nel diritto di nomina del cappellano di S. Maria Elisabetta di Comonte, spettante all'anziano della famiglia Nivola. Fin dalle origini del libero comune i Nivola ne furono l'anima, i capi, di difensori, sempre fedeli, sempre forti, sempre guelfi. Furono consoli: Giovanni (1108); Aldo, Lazzaro e Lanfranco (1110); Daiberto e Gisalberto (1117); Algisio (1118); Atto, di Daiberto (1129); Alberto (1150); Moresco (1153); Bendevacca (1160); Sozzone (1165); Algisio (1167); Atto, di Magliavacca (1168); Bertramo di Moresco (1181); Lanfranco di Zenone (1185); e poi di seguito i R. sedettero sempre in consiglio tra gli anziani dal principio fino al 1800. Lanfranco, di Mazocco fu prevosto della cattedrale di S. Vincenzo (1160); Algisio, delegato a Lodi per la Lega Lombarda (1167); Lanfranco alla pace di Costanza (1185) Mazocco fu procuratore del Comune (1193); Guglielmo, delegato are Giovanni di Boemia (1330).
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Nivola

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Nivola

Blasonierung die Familie

D'oro alla fascia di rosso.
Approsio, Aprosio. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", suppl. 1.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook