EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Pasquale, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Nachname Variationen: Pascale - Pascuale - de Pasquale - Pasca
Heraldische Spur die Familie: Pasquale
Nachname Variationen: Pascale - Pascuale - de Pasquale - Pasca
Krone des Adels Pasquale
Antica ed illustre famiglia, detta Pasquale, De Pasquale o Pascale, che godette nobiltà in Messina ed in Palermo. Notiamo, tra gli altri, un Giorlando, giudice straticoziale di Messina, nel 1517-18, 1523-24 e 1528-29; un Tommaso, senatore in detta città negli anni 1535-36 e 1537-38; un Perrotto senatore di Palermo negli anni 1552, 1556-57-58, governatore del Monte di Pietà nel 1552 e della Tavola nell'anno 1556; un Giovan Francesco e un messer Francesco ascritti alla mastra nobile del Mollica; un Francesco senatore di Palermo nel 1596-97, 1605-6 e 1608-9; un altro Francesco proconservatore in Capaci nell'anno 1681; un Alfarne, di Ignazio, e un Ignazio, del fu Silvio, ascritti alla mastra nobile di Messina dell'anno 1798-1807. Altro ramo. Illustre famiglia, detta De Pasquale, De Pasquale Rodriguez e Pasquale, di origine nobiliare spagnola, che il Mugnos vuole, già nel '600, antichissima. Passata due volte in Sicilia, tra il XIV e il XV secolo,... Fortsetzung folgt
in Messina con Eustasio, ambasciatore del re di Sicilia Ludovico d'Aragona, presso papa Clemente VI nell'anno 1351; in Palermo con un messer Giacomo, gentiluomo valenzano, cavaliere nel reggimento di re Alfonso, che "per servigi militari ebbe concesse onze 12 di rendita sulle gabelle generali" nel 1415; da cui Guglielmo, che ebbe la Castellania della Colombaia in Trapani nel 1425. La famiglia venne ascritta alla Mastra Nobile del Mollica, in persona di Gio. Francesco e messer Francesco, e alla Mastra Nobile di Messina degli anni 1798-1807 in persona di Don Alfarne. Ancora godette lustro in Palermo, dove un Perotto fu castellano di Sciacca nel 1463, sposatosi con Leonora Invegges, nobile palermitana, e da questi Gio. Luca, che si accasò con Leonora Paruta, dei baroni della Sala; da cui Perotto II, che servì per molti anni con l'arte militare l'imperatore Carlo V, nelle campagne d'Italia; Perotto III, senatore negli anni 1544-1552-1556--58, governatore del monte di Pietà nel 1552 e della Tavola (o Pubblico Banco) nel 1556. Don Francesco, anch'egli senatore negli anni 1596-97, 1605-06 e 1608-09, con privilegio dato il 21 febbraio ed esecutoriato il 24 maggio 1594, ottenne concessione del titolo di "Don". Don Francesco II, coadiutore del mastro razionale e visitatore generale di Sardegna per l'anno 1624; don Francesco III, governatore di Reggio per gli anni 1662-63 e proconservatore di Capaci per l'anno 1681. Gio. Alberto (1613-1678), dell'Ordine dei Carmelitani Scalzi, valente letterato di cose pie, ricordato dal Mongitore. Francesca, possedette la baronia di Salinella con investitura fatta à 19 settembre 1722, quale sorella del fu Paolo di Pasquale, morto senza figli. Un ramo di detta famiglia passò in Lipari, a seguito del ripopolamento dell'isola conseguente la deportazione dei liparesi ad opera di Ariadeno Barbarossa. Filippo (1811-1887), cavaliere ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia, politico e giurista insigne, deputato al General Parlamento siciliano nel 1848, più volte sindaco di Lipari, consigliere provinciale di Messina dal 1865 al 1882, amministratore e commissario liquidatore dei beni della Corona in Sicilia, fu tenuto in amicizia dal Garibaldi, stimandolo questi patriota della prima ora, tramandato ai posteri come "il più cavaliere dei gentiluomini liparesi", sposò Donna Anna Rodriquez, dei baroni del Ponte; da cui Bartolomeo, (1845-1918), che ereditò il titolo materno per se ed i suoi primogenito maschi, cavaliere dell'Ordine Militare di Savoia, tenente dei Granatieri di Sardegna, addetto allo Stato Maggiore di S.A.R. il Duca d'Aosta, prese parte alla 3a guerra d'Indipendenza distinguendosi valorosamente il 24 giugno 1866 a Custoza.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Pasquale

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Pasquale
Nachname Variationen: Pascale - Pascuale - de Pasquale - Pasca

Familien-Wappen Pasquale

1 Blasonierung die Familie Pasquale

D'oro ai 4 pali di rosso attraversati da un agnello pasquale d'argento con la banderuola dello stesso caricata di una croce di rosso.

Paquale (de), Pascale o Pasca della Sicilia. Fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Familien-Wappen Pasquale

2 Blasonierung die Familie Pasquale

D'azzurro, alla fascia d'oro, sormontata da un leone passante dello stesso, accompagnata nella punta da tre gigli d'oro, ordinati in fascia. Motto: Sub Cujus Pede Fons Vivus Emanat.

Pasquale (de) o Pascale di Napoli. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Pasquale

3 Blasonierung die Familie Pasquale

Di verde, all'agnello pasquale d' argento, sostenente una bandiera dello stesso, caricata di una croce di rosso. Motto: Sub Cujus Pede Fons Vivus Emanat.

Pasquale (de) o Pascale di Napoli. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook