EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Piriti, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Duchi
Heraldische Spur die Familie: Piriti
Krone des Adels Piriti
Famiglia originaria dalla Germania, passata in Viterbo e di qui in Cosenza, verso il 1300, ed in Gaeta. Nei ricordi dei tempi andati, si leggono alcune varianti di questo cognome, dovute alle solite cause della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi. E' comune opinione, infatti, che Spiriti, Spirito, de Spiriti e de Spirito siano rami di un unico ceppo. Fu ricevuta nel S.M.O. di Malta, nel ramo di Gaeta in priorato, nel 1779 col cav. Paolo, avendo provato la discendenza da Giovanni, primo stipite, nel 1515; ed il ramo di Cosenza in priorato nel 1617, in persona del cav. Antonio, e nel 1774 del cav. Luigi, patrizio cosentino, per prova di consanguineità col cav. Giovanni. Ebbe in feudo Mortara, col titolo di marchese, concesso ad Ottavio, marchesi di Montorio, si estinse nella famiglia Vasaturo. La famiglia Pisciotta, marchesi di Casabona si estinse in Cornelia, sposata... Fortsetzung folgt
ad Alfonso, patrizio di Cosenza. E così pure la famiglia Marotta, Duchi di Castelnuovo, si estinse nei patrizi cosentini, ed il titolo di duca di Castelnuovo fu concesso con R.D. 3 agosto 1855 al cav. Nicola Piriti. Ebbe questa famiglia illustri personaggi fra i quali: Andrea, generale del pontefice Alessandro VI; Gio. Battista, ambasciatore per la città di Viterbo al papa Giulio II e duce dell'esercito dell'imper. Massimiliano, dal quale ottenne il privilegio di mettere nello scudo l'aquila imperiale; Cristoforo, creato dal papa Giulio III vescovo di Cosenza e patriarca di Costantinopoli. La nobiltà generosa di questa famiglia fu riconosciuta nel 1850 in occasione delle prove per R. Guardia del Corpo (R. Commissione dei titoli, Verbali, vol. VI, pag. 232). Il ramo dei duchi di Castelnuovo si è recentemente estinto, quanto ai maschi. La famiglia è iscritta nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano, col titolo di patrizio di Cosenza, per i discendenti da Salvatore, iscritto al Registro di Malta, di duca di Castelnuovo (mpr.), per i discendenti da Nicola (nato nel 1732), ascritto al Registro di Malta, ed è rappresentata da Nicola deced., nato a Napoli il 12 febbraio 1858, di Luigi (nato nel 1833, deced. nel 1896), e di Emilia Cianciulli, spos. a Napoli il 7 agosto 1889 con la nobile Zilia Catalano Gonzaga dei duchi di Cirella. Sorelle: Maria, nata a Napoli l'8 aprile 1875, spos. ivi 8 dicembre 1897 a Francesco Buonocore; Teresa, nata a Napoli il 12 agosto 1881. I cognomi così antichi rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Piriti

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Piriti

Blasonierung die Familie

D'argento al tre pali d'azzurro, a destra d'oro alla mezza aquila di nero movente dalla partizione; a sinistra d'azzurro ad un mezzo giglio movente dalla stessa partizione seguito da altri gigli: il tutto di oro.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook