1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Sbandi, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Sbandi
Krone des Adels Sbandi A questa nobile famiglia, imparentata coi Braschi, appartiene Gian Carlo Vescovo d'Imola e poi Cardinale nel 1775. Inoltre due famiglie di questo nome ànno fiorito in Cesena, ambedue originarie del contado, ambedue ascritte alla nobiltà cesenate sul declinare del XVII secolo. Famiglia illustre e storica allo stesso tempo, però come dice il Dolfi nella sua "Cronologia delle famiglie nobili di Bologna, con le loro insegne, e nel fine i cimieri", stampato in Bologna presso Giovan Battista Ferroni nel 1670, proveniente da Bologna. Qual fosse ne' passati secoli nelle Città dell'Emilia, la Famiglia è molto noto a ciascuno, ch'abbia de' fatti di quella nobil Città veruna contezza. Mentre non che gli huomini di questa Casa risedessero negli antichissimi tempi de' principali Magistrati della medesima, ma e con loro consiglio, e direzzione si riformasse più volte il publico reggimento di quella patria: La storia di questa illustre città è intimamente collegata a... Fortsetzung folgtquella dell'intera Romagna. Negli albori del secolo XIII quando in tutta l'Emilia fremevano le frazioni dei guelfi e dei ghibellini che fanno definitivamente sboccare nella signoria, nella grave lotta tra i guelfi Gambacerri prima e quella dei Malatesta poi e la fazione ghibellina degli Omodei e dei Pareitadi, guerre e paci si susseguono con una incredibile vertigine.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Sbandi

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Sbandi

Blasonierung die Familie

Troncato: di azzurro, a tre stelle d'oro, male ordinate, e d'argento alla donnola, al naturale, passante.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook