Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Vanotti, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Vanotti
Krone des Adels Vanotti Antica ed assai nobile famiglia bolognese, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni italiane e svizzere. La chiara nobiltà della casata risulta confermata dalla presenza, della sua blasonatura, nella pregevole opera "Il Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti", del genealogista Giovan Battista di Crollalanza, pubblicata a Pisa nel 1886 in tre volumi, di oltre 1400 pagine. Da una analisi cromatica e simbolica dello stemma, possiamo ricavare alcune importanti informazioni sulle virtù associate a tal cognome. L'oro, il più nobile dei metalli, è simbolo di ricchezza, comando, potenza; le stelle simboleggiano la mente rivolta a Dio, la finezza d'animo, le azioni sublimi, la fama e la nobiltà gloriosa e lo splendore della famiglia; l'azzurro essendo il colore del cielo, rappresenta la gloria, la virtù e la fermezza incorruttibile; il capriolo, o scaglione, è una pezza onorevole, composta di una sbarra... Fortsetzung folgt

e di una banda che si uniscono ad angolo, verso il capo, indicante la nobiltà concessa; il crescente, il cui smalto particolare è l'argento, significa benignità e buona amicizia; il capo d'Angiò, introdotto in Italia da Carlo d'Angiò, veniva concesso alla parte guelfa, a ricordo della vittoria su Manfredi ottenuta a Benevento nel 1266. Tra i personaggi che, maggiormente, hanno reso lustro a tal casato, ricordiamo: Pietro, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente in Bologna, nel 1503; P. Alessandro, dell'Ordine dei Minori Riformati, fiorente in Bologna, nel 1568; Agostino, notaio in Bologna, fiorente nel 1602; Federico, milite di professione, fiorente in Bologna, nel 1620; D. Giacomo, canonico e protonotario apostolico, fiorente nel 1678; Orazio, il quale fu gonfaloniere del popolo in Bologna nel 1708, nella zona di porta Ravegnana; i fratelli Augusto, Gasparo, entrambi ingegneri, e Carlo, dottor di legge, distintisi nel risorgimento italiano. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Vanotti

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Vanotti

Familien-Wappen Vanotti

1 Blasonierung die Familie Vanotti

D'oro, a cinque stelle d'azzurro, ordinate nella direzione di un capriolo rovesciato, accompagnate in capo da un crescente d'argento; col capo d'Angiò.

Vanotti di Bologna. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.III, pag. 69, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Vanotti

2 Blasonierung die Familie Vanotti

Spaccato; nel 1.° d'oro, al sinistrocherio vestito di verde, movente dal fianco sinistro, tenente colla mano di carnagione tre foglie stelate di verde; nel 2.° d'azzurro, a sei stelle d'oro, 3 e 3; colla fascia di rosso, attraversante sulla partizione; col capo dello scudo d'Angiò.

Vanotti di Bologna. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.III, pag. 69, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook