1. Herkunft des FamiliennamensVarcelli, Herkunftsland: Italia

    Adelsstand: Marchesi
    Heraldische Spur die Familie:Varcelli
    Krone des Adels Varcelli
    I membri traggono la loro origine dalla potente famiglia di Piacenza, dalla quale si hanno notizie anteriori al mille e da cui discendono parimenti i Paveri, i Malvicini, i Banduco. Molti membri della famiglia si distinsero nelle armi, e nelle alte cariche ecclesiastiche: di molti privilegi essa fu favorita, dai pontefici, dai Visconti, dagli Sforza, dai Farnese, dai Borbone. Coll'andare del tempo si divise in varii rami, che assunsero il nome delle terre, che possedevano: marchesi di Moncasacco, di Castellaro, di Morago, conti di Val Tidone, di Monteventano, Montebissago e Veratto. Varie sono le opinioni dei cronisti intorno all'origine del nome "Arcello", ma la più attendibile e che esso derivi dal nome del castello in Val Tidone di Piacenza, posto sopra un altissimo colle quasi arx coeli, o ara coeli. Enrico Arcello è il primo della famiglia ricordato e precisamente in un atto del registro magno di Piacenza... Fortsetzung folgt
    all'anno 1132. Sono pure ricordati un Araldo console della repubblica Piacentina nel 1170, un Pagano, suo fratello (1180), un Lanfranco, preposto della basilica di S. Eufemia della città nel 1182, un Gerardo, commissario del comune patrio nel 1200, un Giannone, suo figlio, che sposò Palmena Anguissona nel 1229, un Giacomo, pretore a Benevento per Gregorio X nel 1272, poi capitano del popolo a Reggio nel 1285. Motto della famiglia: Non deest generoso in pectore virtus.
    Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Varcelli

    Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

    Familien-Wappen:Varcelli

    Familien-Wappen Varcelli

    Blasonierung die Familie

    Inquartato nel primo e quarto d'azzurro al leone di oro, tenente una spada d'argento; nel secondo e terzo di rosso alla croce, scaccata di due file d'argento e d'azzurro.
    Kaufen Familien-Wappen
    Heraldrys Institute on Facebook
©2016-2017 Heraldrys Institute of Rome