EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Zaella, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Conti - Patrizi
Heraldische Spur die Familie: Zaella
Krone des Adels Zaella
Antichissima famiglia di Verona, di chiara ed avita nobiltà, la quale fece parte di quel Nobile Consiglio, sin dall'anno 1406. Uno dei suoi ascendenti, di nome Giovanni Niccolò, celebre giureconsulto, fu dall'Imperatore Federico, nel 1452, decorato del titolo di conte palatino e del S. Palazzo Lateranense, trasmissibile a tutti i suoi discendenti. Il detto Giovanni Niccolò, del qu. Giovanni, pronipote Bonaventura, il quale era registrato, nel 1279, fra i Consiglieri d'Ezzelino, venne eletto, dai Fiorentini, Podestà nell'anno 1472 e fu anche Podestà di Trento, nel 1486. Ludovico, figlio di Giovanni Niccolò, fu Podestà di Lucca Consigliere Imperiale, ed ebbe ancora altre preminenze. Il titolo comitale venne, alla famiglia, confermato dall'Imperatore Leopoldo I, con diploma del 7 Dic. 1661. Ottenne inoltre la conferma dell'avita nobiltà con sovr. risol. del 16 Giu. 1821. La famiglia levò per arme. D'azzurro a tre bande doppio merlate di rosso. Altro ramo. Famiglia imolese che dette... Fortsetzung folgt
molti suoi membri al nobile Consiglio di quella città: Pietro fu eletto Consigliere; Ercole il 19 dicembre 1640; Antonio, di Ercole, il 20 dicembre 1657; Giuseppe, il 17 aprile 1762; Carlo, di Giuseppe, il 10 dicembre 1784. La famiglia è iscritta genericamente nell'Elenco Uff. Nob. Ital. del 1922 col titolo di Patrizio di Faenza, in persona dei Discendenti ed Agnati di Giuseppe (1762) e di Carlo (1784). Tra i personaggi che, maggiormente, diedero lustro a tal casato, senza dubbio alcuno, non possiamo tacere quel Pietro Faella (1759 - 1820), il quale fu viceprefetto del dipartimento del Rubicone, podestà di Imola nel 1802 e nel 1811, e presidente della Congregazione di carità di Imola. La famiglia levò per arme. Bandato di azzurro e di oro - aquila di nero su oro in capo. Che i membri della famiglia Zaella siano noncuranti delle cose volgari, ripromettendosi dalle sole loro energie la dovuta ricompensa, lo provano i documenti fino ad oggi conosciuti, come il "Dizionario Storico-Blasonico", del commendatore G.B. di Crollalanza, che ne ha raccolte le tracce lasciate dalla famiglia in quelle città ove ebbe dimora ricoprendo cariche legislative, militari o altro, contribuendo non poco alla riuscita di quei documenti utili alla scoperta di questa famiglia.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Zaella

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Zaella

Blasonierung die Familie

D'azzurro a tre bande doppio merlate di rosso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook