Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Cabrini, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Cabrini
Krone des Adels Cabrini Antica famiglia feudataria del bergamasco, di chiara ed avita virtù, imparentata anche con la nobile casata dei Sala, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. Secondo quanto ci viene tramandato, la casata era divisa in due diramazioni principali. La prima si rese celebre come prosapia di artefici, originari dalla terra di Albino, che si dedicarono, in Bergamo, a opere di decorazione, d'intarsio e di affresco dal secolo XV al XVII. Pare accertato che sia stato un certo maestro Giovanni a fondare la bottega artigiana, sita presso la chiesa di S. Andrea, tipico centro d'arte rinascimentale, che si trasformò in una scuola di apprendistato di garzoni, finendo per acquistare rinomanza per la raffinatezza dei gusti, per la serietà degli insegnamenti e per la varietà dei prodotti realizzati. Bartolomeo fu chiamato a decorare le porte cittadine; Giuliano e Cabrino operarono nel palazzo pretorio e nella basilica di Santa Maria Maggiore;... Fortsetzung folgt
l'abate cassinense Cristoforo Cabrini, nato a Bergamo nel 1664, fu avversario dei Gesuiti, buon poeta italiano, traduttore dal francese e dal latino. L'altro ramo si stabilì invece nel bresciano, ove fu elevato alla nobiltà locale. Fondamentale fu la figura di Francesco Cabrini, nato ad Alfianello (Brescia) tra il 1510 e il 1515, che, fattosi prete, divenne direttore spirituale dei padri della Pace. In tempi più moderni, ricordiamo invece suor Francesca Saverio Cabrini, nata nel 1850 a Sant'Angelo Lodigiano, fatta santa canonizzata nel 1946 da Pio XII. Altra famiglia. Nobile casata toscana, conosciuta come Fabrini o Cabrini, originaria di Pilarciano in quel di Vicchio, che venne assai presto a stabilirsi in Firenze, ove nel 1391 troviamo Stefano di Ser Piero squittinato per la maggiore al Priorato della Repubblica. Stefano ebbe due figli: Frosino e Fabbrino. Frosino è l'autore del ramo che visse alternativamente a Figline e a Firenze, ove acquistò ad uso di abitazione il palazzo dei Della Ripa al canto degli Aranci. Il ramo di Fabbrino, invece, fu chiamato per quattro volte a far parte della Signoria. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Cabrini

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Cabrini

Familien-Wappen Cabrini

1 Blasonierung die Familie Cabrini

D'azzurro, all'albero al naturale nodrito su un terrazzo di verde, addestrato da un cane sedente d'argento legato con una catena al naturale alla parte alta del tronco.

Cabrini o Cabrino. Elaborato da disegno conservato nello Stemmario Camozzi al n.508.

Familien-Wappen Cabrini

2 Blasonierung die Familie Cabrini

D'azzurro, all'albero di verde nodrito su un terrazzo del medesimo, addestrato da un cane sedente d'argento legato con una catena al naturale alla parte alta del tronco.

Elaborato da disegno conservato nello Stemmario Camozzi al n.2423.

Familien-Wappen Cabrini

3 Blasonierung die Familie Cabrini

D'azzurro, al cane passante d'argento sostenuto da una fascia in divisa rialzata d'oro, a sua volta sostenuta in centro da una banda in divisa dello stesso.

Blasone elaborato da disegno conservato nello Stemmario Camozzi al n.2440.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook