Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Comini, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili - Signori
Heraldische Spur die Familie: Comini
Krone des Adels Comini
Antica ed assai nobile famiglia friulana, di chiara ed avita virtù, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia e del Mondo. La casata era signora del Castello di Fagagna e pertanto fu anche detta Comini di Fagagna. Quando però, a causa delle rivoluzioni del Friuli, rimase priva del feudo e dei beni, si stabilì in Udine e, nel 1350, fu aggregata a quella cittadinanza. La chiara nobiltà della famiglia è confermata dalla sua presenza nella pregevole opera "Il Dizionario storico-blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti", del genealogista Giovan Battista di Crollalanza, pubblicata a Pisa nel 1886 in tre volumi, di oltre 1400 pagine. Altra famiglia. Nobile casato veneziano, riportato sempre dal Crollalanza, che, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscito a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare.... Fortsetzung folgt
Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Giacomo, dottore in entrambe le leggi, fiorente nel 1528; Antonio Maria, proprietario terriero, fiorente nel 1563; Pietro, consigliere in Venezia, fiorente nel 1578; P. Luigi, dell'Ordine dei Predicatori, fiorente nel 1603; Niccolò, dottore in l'una e l'altra legge, fiorente in Venezia, nel 1622; Gio. Batta, dottore in entrambe le leggi e professore di Filosofia, fiorente nel 1646; Giangiacomo, milite, distintosi in Candia ed in Morea; Federico, giudice in Padova, fiorente nel 1702; Francesco, membro del Collegio dei medici di Venezia, vivente nel 1722; Alessandro, distinto notaio, vivente in Venezia, nel 1739; D. Giulio, canonico e protonotario apostolico, fiorente nel 1752; P. Anselmo, dei Minori Riformati, fiorente nel 1767; Camillo, virtuosissimo giureconsulto, vivente in Venezia, nel 1783. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Comini

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Comini

Familien-Wappen Comini

1 Blasonierung die Familie Comini

Di rosso, all'aquila spiegata inquartata d'oro e di nero.

Comini del Veneto. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Comini

2 Blasonierung die Familie Comini

D'argento, alla banda di rosso.

Comini di Udine, detti anche di Fagagna. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Familien-Wappen Fagagna

3 Blasonierung die Familie Fagagna

Interzato in fascia, di nero, d'argento e di rosso.

Fagagna di Udine. Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, pag. 385, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888. Si trova anche nella forma Fagandini o dei Comini.

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook