1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Denofrio, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Denofrio
Krone des Adels Denofrio
Godette nobiltà in Palermo e in Calascibetta. Un Matteo, tenne la carica di governatore della Tavola in Palermo nel 1624; un Giovanni, dottore in leggi, fu giudice della corte pretoriana di Palermo, del tribunale della Gran Corte del Regno e forse egli stesso fu quel Giovanni Battista che acquistò i feudi di Mancipa e Passarello e ne ebbe investitura il 6 ottobre 1678, il feudo Artesina del quale fu investito il 21 gennaio 1698, il feudo Albavuso, Rosette e Erbebianche, i feudi di Artesinella, Canali e Mandra del Piano, dei quali ebbe investitura il 30 gennaio 1696; una Margherita, venne investita il 17 marzo 1712 di Mancipa, Passarello e Artesina; un Gesualdo, per transazione fatta con Giovan Pietro vescovo di Arcidiopoli erede universale di Margherita predetta, ebbe investitura di Mancipa, Passarello e Artesina e fu capitano di giustizia di Calascibetta nel 1786-87. Un Antonino, il quale è qualificato non sappiamo... Fortsetzung folgt
con qual diritto marchese di Villadoro, ottenne, con privilegio dato il 20 dicembre 1798, esecutoriato il 17 febbraio 1799, concessione dei feudi di Mancipa, Passarello e Artesina, dei quali ebbe investitura l'8 ottobre 1804 e fu giurato in Clascibetta negli anni 1812 e 1813. La famiglia è iscritta genericamente nell'Elenco Ufficiale Nobiliare Italiano del 1922 col titolo di Barone di Mancipa e Passarello e Artesina (maschio primogenito) in persona di Antonino (8 ottobre 1804).

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Denofrio

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Denofrio

Blasonierung die Familie

Palato di rosso e d'argento
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook