Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Herkunft des Familiennamens Deretta, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Conti - Nobili
Heraldik die Familie: Deretta
Krone des Adels Deretta
Questa cospicua famiglia, originaria del Bergamasco, dove le prime notizie di essa risalgano ad un Francesco, vivente nel 1420, emigrò nei primi anni del 1600 a Udine, dove venne ammessa alla cittadinanza nella persona di Giovanni Maria, di Bernardino. Dopo pochi anni lo raggiungeva in quella città il fratello Francesco coi figli Bernardino e Giovanni Maria, nati a Leffe nel Bergamasco e vi pose stabile dimora. Nel 1684 il suddetto Giovanni Maria acquistava dal nobile Marcantonio di Prampero dei beni feudali in Collaredo di Prato e ne veniva investito dalla Repubblica di Venezia in ragione di feudo retto e legale... Fortsetzung folgt
con decreto del Senato 13 gennaio 1686. Nel 23 dicembre 1715, i nobili Giovanni Maria e Francesco, di Bernardino, dietro offerta di ducati 2500 venivano investiti dal doge Giovanni Corner della villa di Colugna e di cinque corpi di beni in Lauzacco, in ragion di feudo retto, legale e giurisdizionale con titolo di conte. Aggregata la famiglia nel 10 marzo 1731 alla nobiltà udinese, i suoi membri vennero assunti a tutte le cariche primarie cittadine fino alla caduta del governo aristocratico. Degno di menzione è il conte Francesco (n. nel 1678 e dec. nel 1768) che pubblicò diverse opere storiche e filosofiche e corrispose lungamente col Muratori da quale fu assai lodato per la sua vastissima dottrina. Altro ramo. La famiglia è originaria di Torre de' Beretti e del vicino Frascarolo Lomellina, ove possedevano un castello, riedificato nel 1495 dai medesimi. All'atto di riedificazione del 10 settembre concorsero tre rami, l'uno stabilitosi in Pavia, l'altro in Milano, da quale uscirono monsignor Giannantonio (1733-1816) vescovo di Lodi ed Alessandro, maresciallo di campo e capitano nelle Reali Guardie Vallone di Carlo IV, re di Spagna, ed infine un terzo in Piacenza; rimane fiorente il primo. Capostipite di quest'ultimo è Pietro Francesco, vivente verso il 1400, i cui figli Maffeo fu professore nell'Ateneo pavese e Paolo amministratore e benefattore dell'Ospitale patrio e padre di Giovanni Antonio podestà di Pavia nel 1499. Da un fratello del suddetto Pietro Francesco, Giroldo, discese Giacomo (dec. nel 1578), per oltre tre lustri insigne professore di legge nell'Università , nel 1553 ammesso a far parte del Collegio dei Nobili Giurisperiti, fu anche principe dell'Accademia degli Affidati.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Deretta

Familien-Wappen: Deretta

Blasonierung die Familie

D'azzurro all'albero piantato su un colle a sostenuto da due cervi salienti ed affrontati, il tutto al naturale; al capo d'oro all'aquila bicipite di nero coronata d'oro su ambedue le teste.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook