1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Suche Nachnamens

Herkunft des Familiennamens Dimaina, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Dimaina
Krone des Adels Dimaina Famiglia assai antica e nobile, originaria del Piemonte, nel corso dei secoli vari rami di questa illustre casata si propagarono in diverse regioni d'Italia, prevalentemente in Lombardia ed Emilia. Nei ricordi dei tempi andati si leggono alcune varianti di questo cognome, dovute alle solite cause della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi, è comune opinione che i Maini, Maino, Maynus siano tutti rami di un unico ceppo. Annovera questa casata personaggi di elevate virtù, tra i quali ricordiamo il famoso giurista e membro del Senato di Milano Iason Maynus (1435-1519). Cominciato da G.B. di Crollalanza e continuato poscia da suo figlio Goffredo, l'annuario della Nobiltà Italiana con il dizionario storico blasonico delle famiglie nobili italiane ci fà menzione di questa illustre famiglia, originaria del Piemonte. Comparisce con molto splendore frà la nobiltà piemontese questa casata, gli antenati della quale venuti già molti secoli prima in... Fortsetzung folgtPiemonte, hanno con la loro riputatione apprestata ha discendenti loro onorata strada, trà le maggiori dignità della patria. Ebbero il feudo della Cassa, e diedero onorati capitani e dottori di legge. Oliviero capitano di Ludovico II Re di Francia; Francesco auditore della Camera dei Conti; Filiberto, consignor di Canale, luogotenente di cavalleria; Girolamo giudice di Asti e di Vercelli.
Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Dimaina

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Dimaina

Blasonierung die Familie

Inquartato: di argento e di rosso.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook