EU Unsere Cookies: Wir Sie, dass diese Website Verwendung von technischen und statistischen Cookies einschließlich Dritte Cookies macht. Sie können die Nutzung durch eine entsprechende Einstellung Ihrer Browser-Einstellungen Cookies hemmen. Privacy.
No Ich akzeptiere nicht
Ja, Schließen Warnung.
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Ranchetti, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Baroni - Nobili
Heraldische Spur die Familie: Ranchetti
Krone des Adels Ranchetti Famiglia che trasse in prigine cospicue ricchezze commerciando con Levante. Abramo, di Raimondo e di Bella, nato a Livorno il 5 dic. 1805, dotato di alto spirito animatore e di pronta iniziativa, fu uno dei benemeriti pionieri della bonifica maremmana e costruttore in Italia delle prime linee ferroviarie. Per questi suoi meriti e per benemerenze veso la casa Savoia, S. M. Vittorio Emanuele II con decreto di motu proprio 17 ott. 1858 conferì a lui e a tutti i discendenti maschi il titolo di conte con successione primogeniale mascolina. Abramo il 25 nov. 1827 aveva sposato in Livorno Allegra di Abram Samuel Levi Sonsin. da questo matrimonio nacque in Livorno il 25 ott. 1829 Raimondo anch'esso un benemerito dell'agricoltura in Piemonte, nel Veneto, nel reggiano e nel Mantovano aveva promosso inoltre un vasto ed apprezzato allevamento per una razza equina denominata appaunto con l'omonimo cognome, e assai stimata. Questa... Fortsetzung folgt

speciale attività era generata dall'aver nel passato gestito le corriere postali a cavalli nell'Alta Italia e le scuderie di Canedole erano diventate fra le più reputate. Così nell'agricoltura le bonifiche di S. Gaetano e di Loreo nel Veneto furono lavori colossali che diedero vita ad intere regioni ove prima regnava lo squallore e la miseria. A S. Gaetano fece costruire ben 60 Km. di canali per lo scolo delle acque. In questa regione vivevano oltre duemila coloni che traevano benessere dalle terre fertili. Anche in Toscana le tenute di Capezzana e Bibbiani furono sistemate con impianti moderni per la riproduzione olearia e vinicola. A Bibbiani Raimondo Franchetti costruì una scuderia e un ippodromo e tutti i paesi da lui risanati volle dotare di acque potabili. Per la sua grande opera filantropica fu insignito della cittadinanza onoraria di Limite e Capraia e Sua Maestà Vittorio Emanuele II Re di Sadegna con Regio Decreto del 17 ottobre 1858 gli concesse la cittadinanza Sarda. Fu protettore e mecenate. Restaurò a proprie spese ilteatro di Reggio Emilia, come restaurò e donò alla città di Bologna la storia torre della Garisenda; a Venezia acquistò e resturò il Palazzo Franchetti, già dei Cavalli, che apparteneva al Duca di Chambord; a Murano ridonò vita alle industrie vetrarie locali cadute in oblio e fu insignito della cittadinanza onoraria dlargo censo, e da questo matrimonio nacquero Alberto, Edoardo e Giorgio Giovacchino.


Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Ranchetti

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Ranchetti

Blasonierung die Familie

Spaccato d'azzurro pieno, e d'argento, a due pali di rosso; con la fascia dello stesso attraversante sul tutto.
Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook