1. Herkunft des FamiliennamensRatena, Herkunftsland: Italia

    Adelsstand: Conti - Marchesi - Nobili
    Heraldische Spur die Familie:Ratena
    Krone des Adels Ratena
    Investita del titolo di marchese da Carlo III nel 1755. Francesco dottor di legge e procurator fiscale della regia gran Corte nel 1648; Antonio giudice del Concistoro nel 1686 e della Gran Corte Criminale 1701; un secondo Francesco parroco dell'ospedale reale di Madrid 1709, abate parlamentare in Sicilia di Santa Maria di Bordonaro 1713, e finalmente ciantro della real collegiata di s. Pietro di Palazzo (giusta il Mongitore); Giuseppe dal 1736 al 1749 Presid. del real Patrimonio e maestro razionale nel 1748, ed il primo marchese nella sua famiglia per investitura di re Carlo III 1755; Melchiorre Cav. di giustizia del S.M.O. Gerosolimitano; un altro Giuseppe Can. e Tesoriere della Chiesa Metropolitana di Palermo nel 1758. Estinta colla morte di quest'ultimo, ed i beni tutti ereditati dalla famiglia Ventura-Avellone. Motto della famiglia: Cesaris est aquila inde columnis redde columnata Ursinis ursam sola catena tua est. Altro ramo. Antica e nobile... Fortsetzung folgt
    famiglia originaria di Asti.Erano gonfalonieri di Asti.Un Guglielmo Ratena fu testimone alla confermazione che fecero nel 1198 i canonici di Asti di una donazione fatta al Vescovo Bonifacio.Quattro anni prima era stato ambasciatore al Marchese di Monferrato.Oberto fu sindaco della sua patria nel 1229.In quel tempo,trovandosi la città di Asti sotto il domicilio dell'Imperatore Federico II, Ermanno Ratena fu fatto conte di Arezzo.
    Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Ratena

    Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

    Familien-Wappen:Ratena

    Familien-Wappen Ratena

    Blasonierung die Familie

    D'argento, a due croci patenti di rosso, poste in palo, ed accostate da due chiavi dello stesso, addossate, e con anelli trifogliati.
    Kaufen Familien-Wappen
    Heraldrys Institute on Facebook
©2016-2017 Heraldrys Institute of Rome