Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Suche Nachnamens
  3. Suchergebnis
  4. Herkunft des Familiennamens

Herkunft des Familiennamens Scudelanzoni, Herkunftsland: Italia

Adelsstand: Nobili
Heraldische Spur die Familie: Scudelanzoni
Krone des Adels Scudelanzoni
Famiglia aggregata al Consiglio di Padova nel 1780 e confermata nella nobiltà con Sovrana Risoluzione 4 settembre 1818. La famiglia è iscritta nell'EIenco Ufficiale Nobiliare Italiano col titolo di nobile (di Padova) (mf.), in persona dell'ult. ricon. Giovanni Battista, di Gaetano (1841). La bibliografia di questa famiglia viene menzionata dal Marchese Vittorio Spreti, nella sua Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana stampato in Milano nel 1936. Raccogliendo manoscritti di contenuto araldico e nobiliare-genealogico, tra le biblioteche ed in moltissimi archivi pubblici e privati. Le testimonianze e i documenti raccolti per la formazione dell'opera in questione sono state trasmesse dalla famiglia stessa. Così come risulta dalla Rivista Araldica edita dal Collegio Araldico di Roma. Lo stemma della famiglia Scudelanzoni è: Partito di azzurro e di rosso da un palo di argento attraversato da due lance dello stesso, astate d'oro, decussate.

Kaufen Sie eine heraldische Dokument auf Familie Scudelanzoni

Bitte für weitere Informationen oder Fragen zögern Sie nicht, kontaktieren Sie uns:

Familien-Wappen: Scudelanzoni

Familien-Wappen Scudelanzoni

1 Blasonierung die Familie Scudelanzoni

Partito di azzurro e di rosso da un palo di argento attraversato da due lance dello stesso, astate d'oro, decussate.

Scudelanzoni del Veneto. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" .

Kaufen Familien-Wappen

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook