Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origen del apellido Campi, país de origen: Italia

Nobleza: Cavalieri - Conti - Nobili
Variaciones apellido: Campo
Heráldica de la familia: Campi
Variaciones apellido: Campo
Corona de la nobleza Campi
La genealogia documentata di questa nobile famiglia, stabilitasi, ab antico tempore, nel territorio di San Felice sul Panaro, risale ininterrotta al secolo XIV. Nei ricordi dei tempi andati si leggono alcune varianti di questo cognome, dovute alle solite cause della pronunzia dialettale e dal modo di interpretare nella scritturazione i cognomi, è comune opinione che Campi, de Campi, Campiani e Campi, siano tutti rami di un unico ceppo. Nel corso dei secoli vari rami di questa famiglia si trasferirono in varie regioni d'Italia, donde ne acquisirono la nobiltà e vi furono accolti nelle importanti cariche della città dove ebbero ... Continuará

dimora. Va annoverata fra le cospicue di quella terra, dove primeggiò ed ebbe a sostenere con la potente famiglia de' Vecchi del vicino Finale, fiere e sanguinose lotte, sedate più volte dall'intervento dei duchi di Modena. Pietro, di Gio. Lodovico Campi, comunemente riconosciuto come capostipite, fu guerriero valoroso che all'assedio di Rovigo, il 14 marzo 1405, venne creato cavaliere ed insignito dello sperone d'oro dal marchese Niccolò d'Este. Nei secoli seguenti XVI e XVII anche altri della famiglia si segnalarono o nella carriera delle armi come Bartolomeo (deceduto 1573) e Scipione (deceduto 1579) ingegneri militari distintisi assai nelle guerre di Fiandra, Teofilo maresciallo di campo sotto Luigi XVI; o nell'arrengo curiale come Giulio Cesare podestà di Sassuolo (1558-62), della Mirandola (1568-70); Enea legista apprezzato da più principi (1595), Antonio auditore militare, fattore ducale (1672) e segretario della duchessa Laura Martinozzi; o nella vita ecclesiastica come Giulio (1628-1673) protonotario apostolico e governatore della città di Loreto, Galasso, dotto sacerdote, segretario di S.Carlo Borromeo. Cesare, già paggio del duca Alfonso II di Ferrara, indi gentiluomo della celebre Eleonora D'Este, poi di Cesare D'Este che segui quando questi dovette abbandonare la Chiesa Ferrara e rifugiarsi a Modena, quivi prese dimora e il 9 novembre 1620 otteneva dalla Comunità, per se e per suoi discendenti, largo privilegio di cittadinanza modenese. Ai pronipoti di costui, Giulio e Cesare di Paolo Emilio, e ai discendenti maschi da loro, in perpetuo, il duca Rinaldo I d'Este conferiva il titolo comitale con chirografo 17 novembre 1699. Dal conte Cesare nasceva il conte Paolo Emilio (1729-1796) letterato, poeta tragico lodato dal Voltaire, accademico e magistrato. Il figlio suo conte Giulio, fu podestà di San Felice, indi di Vignola, poscia della città di Carpi al cui patriziato venne ascritto con tutta la sua discendenza maschile in perpetuo, il 9 marzo 1833. Il conte Emilio, figlio del predetto, fu guardia nobile d'onore del Duca, vice direttore generale delle Poste Estensi e podestà di Carpi. ... Continuará


Comprar un documento heráldico de Campi

Escudo de la familia: Campi
Variaciones apellido: Campo

Escudo de la familia Campi

1 Blasòn de la familia Campi

Spaccato d'azzurro e di rosso, al crescente rivolto d'argento accompagnato da tre stelle dello stesso; con la fascia d'oro attraversante sulla partizione.

Blasone della famiglia Campi da Rovigo. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

2 Blasòn de la familia Campi

Interzato in fascia; nel 1° d'azzurro, al crescente montante d'argento; nel 2° d'argento, all'aquila di nero; nel 3° d'azzurro, al monte di tre cime di rosso.

Blasone della famiglia Campi di Cento. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

3 Blasòn de la familia Campi

D'oro, a tre bande di verde, col capo del secondo caricato di un destrocherio vestito di rosso impugnante un mazzo di spighe d'oro moventi dal fianco sinistro.

Blasone della famiglia Campi da Cremona. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

4 Blasòn de la familia Campi

Tagliato; nel 1° d'argento, alla sbarra d'azzurro accompagnata da tre gigli di oro, uno in capo, e due in punta; nel 2° di rosso, alla torre d'argento sormontata da una stella di otto raggi dello stesso.

Blasone della famiglia Campi da Ferrara. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

5 Blasòn de la familia Campi

D'azzurro, al volo d'argento.

Blasone della famiglia Campi o Campo da Genova. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

6 Blasòn de la familia Campi

Di rosso, a due leoni d'oro affrontati tenenti ambedue fra le branche un compasso dello stesso; col capo scaccato d'oro e di rosso.

Blasone della famiglia Campi da Milano e Piacenza. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

7 Blasòn de la familia Campi

D'azzurro, a cinque spighe d'oro legate in fascio e poste in palo, sormontate da tre stelle d'oro poste in fascia; con la bordura inchiavata d'oro e di rosso. Cimiero: L'aquila estense d' argento al volo abbassato coronata d'oro. Motto: non sine campis.

Blasone della famiglia Campi da Modena. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

8 Blasòn de la familia Campi

D'azzurro, al capriolo abbassato di rosso, accompagnato in punta da tre alberi di verde piantati sopra un terreno erboso, e in capo da un sinistrocherio vestito del secondo impugnante tre spighe d'oro, e da un crescente montante sormontato da tre stelle, il tutto dello stesso.

Blasone della famiglia Campi da Modena. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

9 Blasòn de la familia Campi

D'azzurro, alla torre d' argento, aperta e finestrata del campo, movente dalla pianura erbosa.

Blasone della famiglia Campi da Pesaro. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Campi

10 Blasòn de la familia Campi

D'azzurro, a sette spighe gambute e fogliate d' oro poste sopra una terrazza di verde, sormontate ciascuna da una stella del secondo.

Blasone della famiglia Campi da Treviso. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook