Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origin of last name Panfili, country of origin: Italia

Nobility: Nobili - Patrizi - Cavalieri - Conti - Principi
Last Name variations: Pamfili - Pamphili
Heraldrys of family: Panfili
Last Name variations: Pamfili - Pamphili
Nobility crown Panfili
Antichissima famiglia patrizia romana, detta Panfili o Pamphili, originaria di Gubbio, ove ottenne, nel 1461, con Iacopo e Francesco, il titolo comitale del Sacro Romano Impero, trasferitasi a Roma con un Antonio, protetto da Sisto IV. Divenuto papa (1644) il nipote di Antonio, Giovan Battista, col nome di Innocenzo X, i Panfili acquistarono nella nobiltà romana posto preminente, contribuendo con la loro grande ricchezza al fasto della Roma secentesca. Inoltre, assorbirono, grazie al matrimonio di Camillo, con Olimpia Aldobrandini, nel 1647, feudi e ricchezze degli Aldobrandini. Il detto conte Camillo (Napoli, 1622 - Roma, 1666), nipote del Papa Innocenzo X,... To be continued
figlio di Pamfilio e di Olimpia Maidalchini, fu nominato dallo zio generale della Chiesa, comandante della flotta, governatore di Borgo e infine (1644) cardinal nipote. Contro il volere della madre abbandonò (1647) la porpora per sposare Olimpia Aldobrandini principessa di Rossano. Tal casato, il quale ha dato cinque Cardinali alla chiesa, tra cui Antonio Maria, nel 1781, commendatario dell'Eremo di Sant'Emiliano in Congiuntoli, ed un Papa, come sopra ricordato, fu illustrata anche da due Cavalieri, Pietro ed Antonio, i quali presero parte alla prima crociata, nel 1099. Furono molti, infatti, a quel tempo valorosi cavalieri e gente comune che presero parte a questa crociata bandita dal papa Umberto II, già a metà agosto del 1096, un immenso fervore spinse uomini di ogni condizione a prendere la croce, dando origine a una vera e propria migrazione. Circa 15.000 persone partirono dalla Francia e da altri luoghi, a capo della crociata vi erano Goffredo di Buglione, Tancredi d'Altavilla, Boemondo di Taranto, Raimondo di Saint-Gilles e Ugo di Vermandois. E un'armata di cavalieri che non dipende da nessun regno, oltre al desiderio di ricevere l'assoluzione da tutti i loro peccati, i più potenti sognano di conquistare in Oriente un principato o una contea di cui saranno signori. Molti cavalieri ebbero spunti di grande eroismo durante gli scontri per la conquista della città santa, e per questo furono elevati a ranghi nobiliari superiori. La famiglia ha, inoltre, posseduto il castello di San Martino presso Viterbo, eretto in principato da Innocenzo X. Infine, per amor di completezza ed onor di verità, ci sembra doveroso citare un passo, relativo allo stemma della famiglia, tratto dalla "Historia della famiglia Pamphili", opera scritta da Vincenzo Armanni nel XVI secolo e rimasta inedita: "Poiché in quanto all'arma ella si trova dipinta di più centinaia d'anni nel palazzo ch'hanno in Gubbio i signori Panfilij nella guisa come seguono ad usarla pur hoggi rappresentante una colomba bianca che porta nel rostro un ramoscello verde d'oliva in campo rosso, fiorendo sopra di lei tre gigli d'oro fra li denti d'un rastello rosso in campo azzurro. In alcune parti però, specialmente ne' soffitti d'esso palazzo veggonsi eretti sopra la colomba pendenti tre drappelloni turschini in ciascheduno de' quali lascia tra se tanto spazio rosso, quanto basti a dividerli, con haver ogni drappellone in mezzo un giglio d'oro e tal'è la maniera ch'usano in Roma i principi di questa Casa fin dal tempo quando il ramo loro staccato dal suo gran tronco andò a piantarsi in quella città per farsi dal mondo adorare in uno de' suoi più fioriti germogli(1). Né lascio di dire per l'occasione che havrò di parlarne più sotto che l'arme sudetta ha molta somiglianza con quella che usa la nostra città, posciaché non sono differenti tra loro se non in questo, cioè che l'una fa la colomba bianca con il ramo verde e l'altra un monte bianco con cinque colli ombreggiati di verde (2), essendo non solo né colori ma eziandio né campi e nel resto ambidue conformi, attesoché anco
Buy a heraldic document on family Panfili

Coat of Arms of family: Panfili
Last Name variations: Pamfili - Pamphili

Coat of Arms of family Panfili, Pamfili, Pamphili (Lazio, Umbria, Veneto, Emilia)

1 Blazon of family Panfili, Pamfili, Pamphili (Lazio, Umbria, Veneto, Emilia)

Di rosso, ad una colomba d'argento, tenente nel becco un ramoscello d'olivo di verde; col capo d'azzurro, caricato di due pali di rosso alternati con tre gigli d'oro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 266 e 269, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Coat of Arms of family Panfili (Marche)

2 Blazon of family Panfili (Marche)

D'azzurro, alla fascia d'argento, caricata di tre crescenti montanti, di rosso, accompagnata in capo da un sole d'oro, e nella punta da un ramo di rose al naturale, fiorito di tre pezzi di rosso.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 269, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Coat of Arms of family Pamphili

3 Blazon of family Pamphili

Di rosso, ad una colomba d'argento, tenente nel becco un ramoscello d'olivo di verde; col capo d'azzurro, caricato di due pali di rosso alternati con tre gigli d'oro.

Citato in "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol. secondo, pag. 266, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Buy Coat of Arms of family

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome