EU Aviso cookies: Este sitio hace uso de cookies técnicos y estadísticos, incluyendo terceros cookies. Puede inhibir su uso mediante el ajuste de la configuración del navegador de cookies. Privacy. No, yo no acepto
Ok cierra la alerta
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Melfa, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Baroni
Rastro heráldico de la familia: Melfa
Corona de la nobleza Melfa
Antica ed illustre famiglia napoletana, passata a risiedere in Sicilia, con un Antonio-Francesco, il quale, al dir di autorevoli genealogisti, ebbe la carica di capitan d'armi a guerra in Scicli, nel 1456. Francesco, regio luogotenente nell'Ufficio del maestro secreto, con privilegio del 26 aprile 1572, ottenne il titolo di regio cavaliere (la famiglia sostiene che egli stesso abbia posseduto i feudi Giarrentini e quello della Marina di Scicli e che, con privilegio del 28 gennaio esecutoriato il 26 aprile 1572, abbia avuto concessione del titolo di barone di S. Antonino) e fu proconservatore in Scicli nel 1588. La medesima carica ebbe un Niccolò, negli anni 1575, 1586. Santoro Melfa, invece, fu francescano e missionario nelle Indie 1692; altro Francesco, figlio di Giambattista, il 15 agosto 1660, in occasione del matrimonio da lui contratto con Giovanna Maria Caterina Mulè, si trasferì in Chiaramonte Gulfi, dove un Giovan Battista, fu capitano di... Continuará
giustizia nel 1708; un Corrado, fu ivi proconservatore nel 1735; un Francesco fu capitano di giustizia nel 1744; un Nunzio, nato in data 14 aprile 1743, dottore in giurisprudenza, tenne la stessa carica nel 1776, acquistò da Giuseppe Biazzo il titolo di barone di S. Maria e ne ottenne riconoscimento ,con dispaccio patrimoniale del 17 giugno 1779. Lo stesso, in data 30 giungo 1767, sposò Anna Ventura r morì a 10 agosto 1789 lasciando due figli: Rosa, abbadesssa in S. Caterina in Chiaramonte, poetessa, e Corrado, il quale fu giurato e decurione di Chiaramonte, fu marito di Anna Favales e morì a 2 maggio 1852. Nunzio Melfa e Favales, nato il 17 maggio 1789, sposò, il 10 dicembre 1809, Anna ventura, fu sindaco di Chiaramonte 1831-33, presidente del Municipio di Chiaramonte nel 1848 e nel 1860 e morì, in data 11 agosto 1864, lasciando un'unica figlia a nome Concetta. Si ricordano, poi: un Bonaventura Melfa e Criscione, di Francesco, n. 24 giugno 1780, marito di Ignazia Criscione 15 gennnaio 1804, sindaco di Chiaramonte nel 1838; Corrado Melfa e Melfi, di Bonaventura, il quale nacque in Chiaramonte Gulfi a 12 gennaio 1850, sposò a 25 febbraio 1870 Marianna De Santis e che, con decreto ministeriale del 19 ottobre 1900, ottenne riconoscimento del titolo di barone di S. Maria. I cognomi di cotal risonanza, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Comprar un documento heráldico de Melfa

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Melfa

Blasòn de la familia

Partito: il primo di azzurro alla fascia accompagnata, in capo da tre stelle, in punta da uno scorpione (o gambero) posto in fascia, il tutto d'oro; nel secondo di rosso, alla fascia abbassata sostenente un agnello pasquale, col capo rivoltato, la croce a stile banderuola d'azzurro, ed accompagnata in punta da due stelle, ordinate in fascia, il tutto d'argento.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook