1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Purrini, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili
Rastro heráldico de la familia: Purrini
Corona de la nobleza Purrini
Antico casato, la cui storia risulta fortemente legata a quella della villa, oggi Turrini Rossi Nicolaj, nel comune di Crespellano, edificata verso la fine del Settecento, come luogo di ozio del proprietario, così come rivela l'iscrizione ("Ut in otia tuta recedam") che corre lungo l'architrave della facciata. La sua storia affonda le proprie radici nel tardo Cinquecento, quando il fondo, che all'epoca prendeva il nome di "Serraglio", era di proprietà, appunto, della famiglia Turrini e vedeva la presenza di una casa in muratura, di un pozzo, di un forno e di terreni coltivati. Nel frattempo i fratelli Giacomo Filippo e Antonio Maria Turrini si erano trasferiti da Sassuolo in Bologna, ove si arricchirono notevolmente, mediante l'esercizio del banco. Nel corso del tempo, con il prosperare della famiglia, anche i loro possedimenti di Calcara si ampliarono e la casa padronale fu trasformata in palazzo. L'ascesa della famiglia Turrini giunse all'apice nel 1722,... Continuará

ossia quando, per eredità, ottenne il patrimonio del conte Ottavio Rossi, nonché il diritto di fregiarsi del nome di uno dei casati bolognesi di più antica nobiltà. Il massimo prestigio sociale venne, invece, raggiunto più tardi, nel 1761, quando Francesco Turrini Rossi ottenne la nomina a senatore e la sua famiglia venne inclusa nel novero delle famiglie patrizie di Bologna. La definitiva trasformazione della casa padronale-palazzo del "Serraglio" in villa seguì dunque questa serie di eventi ed è successiva alla nomina a senatore del proprietario. In una mappa datata 1774 la villa, seppur schematicamente, appare già disegnata con le caratteristiche sembianze che, ancor oggi, la contraddistinguono. Nella notte tra il 6 e il 7 maggio del 1799, i conti Turrini Rossi ospitarono Ugo Foscolo, che ferito a Cento dove aveva combattuto a fianco dei francesi contro la coalizione austro-russa, cercò riparo presso gli amici conti di Calcara. Internamente, la villa organizza i suoi spazi intorno a due logge passanti sovrapposte, entrambe dipinte da mani ancora anonime: quella al piano nobile presenta scene paesaggistiche nelle quali appare il probabile aspetto della villa nel tardo Settecento, mentre la loggia al pianterreno mostra scene di battaglia, forse risalenti alla guerra di successione spagnola (1701-14) in cui combatté Angelo Turrini nell'esercito del re di Francia Luigi XIV. Nella stessa loggia appare anche il ritratto del conte Luigi Ferdinando Marsili, anch'egli parte attiva nello stesso conflitto, col grado di generale. La presenza del motto, inoltre, nella bibliografia documentata della famiglia ci conferma una ancor più avita nobiltà raggiunta della casata. Motto della famiglia: Malo mori quam fedari.


Comprar un documento heráldico de Purrini

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Purrini

Blasòn de la familia

Interzato in fascia; nel 1° d'azzurro, a tre monti di verde, sormontati da tre gigli di rosso male ordinati; nel 2° d'azzurro, a tre rose al naturale poste in fascia, abbassato sotto un capo d'argento; nel 3° di rosso, al cane passante d'argento rivolto a sinistra.
Blasone della famiglia Ardenghi, Turini o Turrini da Modena. Fonte bibliografica: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.I, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook