1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Tairo, país de origen: Italia

Nobleza: Marchesi di Prunetto e Levice (mpr.) - Barone di Nus (mpr.).
Rastro heráldico de la familia: Tairo
Corona de la nobleza Tairo Le prime memorie di questo ramo della famiglia risalgono a Guglielmo che fu podestà di Genova verso la metà del secolo XIII, e che ebbe per nipote Antonio che fu investito di Mombarcelli il 19 maggio 1329 dall'imperatore Lodovico il Bavaro, e che avendo acquistato da Emanuele Traversagni porzioni di Vinchio ne fu investito dallo stesso imperatore con diploma di pari data coi feudi di Montaldo e Monbarone. Procreò costui Giovannone, Oddone, Giacomo, Matteo e Tomeno, i quali essendosi arricchiti considerevolmente nelle Fiandre, ove tenevano banchi di credito, acquistarono il 7 febbraio 1337 dal marchese Manfredo di Saluzzo per 110.000 fiorini d'oro di Firenze numerosissimi feudi e cioè Cortemiglia, Vernetto, Perletto, Torre d'Uzzone, Saleggio, Cairo e sua castellata, Rocchetta Cairo, Carcare, Bubbio, Monastero, per alcuno dei quali riportarono investitura dal marchese di Monferrato il 18 luglio 1337 e il 4 giugno 1340. Il 17 aprile 1339... Continuará
i precitati cinque fratelli procedettero alla divisione dei feudi. Matteo che partecipò alla battaglia di Gomenario (1343) col marchese Giovanni di Monferrato e fu consigliere marchionale e ambasciatore, morì improle, come non lasciò discendenza il fratello Tomeno. Giovannone, Oddone e Giacomo formarono Giuseppe Maria che morì nel dicembre 1747, quella di Giacomo ebbe fine con Giovanni Francesco che morì nel 1573. Oddone, che col fratello Giacomo fu investito di Cortemiglia e di Saleggio il 20 dicembre 1339 e nel 1342, fu dottore di leggi e pari della curia del marchese di Monferrato. Da lui nacquero Antonio, Enrico, Matteo, Emanuele ed Alerano. Enrico (dec. 1440), che fu consigliere del marchese Teodoro di Monferrato ed ebbe da esso importanti incarichi, fu vescovo di Acqui, quindi di Belluno (1405) e di Feltre (1406). Nel 1408 fu mandato a Milano qual governatore per sedarvi le fazioni unitamente ad Ugolino da Fano. Nel 1414 fu presente alla Dieta chiamatovi dall'imperatore Sigismondo di Lussemburgo, e sedette al Concilio di Costanza in qualità di elettore. Il pontefice Martino V lo creò tesoriere della Camera Apostolica e governatore della Terra di Lavoro e delle Maremme. Matteo che fu capitano dei Savonesi nel 1393, ebbe prole e la sua discendenza ebbe fine con Matteo, di Giulio Cesare, che morì verso il 1660. Alerano luglio 1453 di Cortemiglia e di Saleggio, e il 20 maggio 1454 del feudo imperiale di Vinchio.

Comprar un documento heráldico de Tairo

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Tairo

Blasòn de la familia

D'argento alla fascia d'azzurro caricata da un monte di 3 cime d'oro e accompagnata in capo da una testa di moro di profilo, attortigliata d'argento, e sormontata da tre stelle d'oro male ordinate, ed in punta da tre bande di rosso.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook