Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Mazza, país de origen: Italia

Nobleza: Nobili - Patrizi - Baroni
Variaciones apellido: del Mazza dall'Ancisa - del Mazza - Mazzi - Mazza da Cannobio
Rastro heráldico de la familia: Mazza
Variaciones apellido: del Mazza dall'Ancisa - del Mazza - Mazzi - Mazza da Cannobio
Corona de la nobleza Mazza
Antica ed assai nobile famiglia di Rivanazzano, con diramazioni anche in Predosa, Pesaro, Ancona ed in Roma, di origine ebraica, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. La chiara nobiltà della famiglia risulta ulteriormente confermata dalla sua presenza nella pregevole "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana" di Vittorio Spreti. La casata si è particolarmente distinta nelle professioni giuridiche, annoverando tra i suoi membri numerosi dottori di legge e notai. Giangiacomo, giurista, visse in Roma nel XVII secolo; Pietro fu giudice in Predosa; Luigi fu notaio in Ancona ed in Roma; Alessandro fu proprietario terriero nel pesarese. Altra famiglia. Famiglia patrizia modenese,... Continuará
assai potente in patria nel XIV secolo, alla quale appartenne quel Francesco, podestà di Reggio-Emilia, nel 1613. Altra famiglia. Nobile casato spagnolo, il quale passò a risiedere in Reggio Calabria. Nel 1522-23, Nicola Mazza figura fra i 33 patrizi confratelli fondatori dell'Annunziata di Reggio. Altra famiglia. Antica ed assai nobile famiglia siciliana, al dir del Galluppi oriunda dalla Spagna. Un Blasco Mazza, nel 1156, risulta annoverato fra baroni di Catalogna e d'Aragona; con altro Blasco, nel 1287, la famiglia risulta passata in Sicilia, al seguito di re Giacomo d'Aragona e, propriamente, in Messina, da dove per poco tempo si trasferì in Napoli col detto re Giacomo, ottenuto avendo la baronia della Sellia, senza però abbandonare la predetta città. Successivamente, abbiamo notizia di un Pietro che ottenne, da re Martino II, il feudo di Delia. Un Lancia, al dì 29 maggio 1396, ottenne la concessione del Mulino in Paternò. D’altronde, tal famiglia, nel dispiegarsi dei lustri, sempre è riuscita a produrre una serie di uomini che hanno reso illustre il suo nome, nei pubblici impieghi, nelle professioni liberali ed ecclesiastiche e nel servizio militare. Fra questi, senza nulla levar al valore degli omessi, contasi: Angelo, giudice della appellazioni in Messina, nel 1512/13; Filippo, cavaliere dell’Ordine di Malta, nel 1527; Niccolò, senatore in Messina, nel 1555/7; Giacomo, dottore in legge, giudice della Corte Capitanale in Catania, con lettere vicereali del 13 settembre 1646; Antonino, governatore della Tavola Pecuniaria (Banca) di Catania; Giuseppe che, nel 1740, restaurò la Regia Cappella Aragonese in Catania, distrutta dal terremoto nel 1693; altro Giuseppe, deputato del Collegio dei Nobili di Catania, nel XVIII secolo; Antonio, consigliere comunale, consigliere provinciale, deputato della Provincia di Catania, il quale sposò il 25 marzo 1859 Francesca Tedeschi, che portò in casa Mazza i titoli di barone di Villallegra, San Todaro, di Toscano e Mandrile; Giuseppe, governatore nobile della Arciconfraternita dei Bianchi di Catania, dal 1905 al 1916, con D. M. del 10 giugno 1898 riconosciuto il titolo di nobile, e con RR. LL. PP. (Regie Lettere Patenti) del 9 giugno 1927 dei titoli su descritti. La famiglia risulta iscritta nel Libro d’Oro della Nobiltà Italiana e nell’Elenco Nobiliare Italiano, anno 1922. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.
Comprar un documento heráldico de Mazza

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Mazza
Variaciones apellido: del Mazza dall'Ancisa - del Mazza - Mazzi - Mazza da Cannobio

Escudo de la familia Mazza

1 Blasòn de la familia Mazza

D'argento, alla torre di pietra, accompagnata da un braccio armato, tenente con la mano di carnagione una mazza d'arme, posta in banda e in atto di battere la torre, il tutto al naturale. Motto: Nec Frangar.

Mazza di Rivanazzano, Predosa e Roma, insignito del titolo di Conti. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. IV p.506.

Escudo de la familia Mazza

2 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro alle due mazze d'armi ornate di punte d'oro, passate in croce di S.Andrea, legate di rosso. Corona di Barone.

Fonte: "Blasone In Sicilia ossia Raccolta Araldica" V. Palizzolo Gravina, Palermo 1871-75, p. 256 , Tav. XLIX 12.

Escudo de la familia Mazza

3 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro, al sinistrocherio armato al naturale, movente dal fianco sinistro, e tenente una mazza d'armi in palo, al di sopra di un monte di tre cime d'argento, movente dalla punta ; col capo d' Angiò.

Mazza di Bologna. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza da Cannobio

4 Blasòn de la familia Mazza da Cannobio

D'azzurro; a due artigli alati d'aquila al naturale, posti in palo, e moventi da una pianura erbosa.

Mazza da Cannobio di Bologna. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

5 Blasòn de la familia Mazza

Partito di rosso e d'argento; col capo palato degli stessi colori di quattro pezzi, abbassato sotto un altro capo d'azzurro, caricato di un leone passante d'oro, tenente colla branca de- stra una mazza dolio stesso in isbarra.

Mazza di Forlì. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

6 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro, a tre mazze d'armi d' oro, due passate in croce di S. Andrea, e la terza attraversante in palo; colla fascia d'oro attraversante sul tutto.

Mazza di Messina. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

7 Blasòn de la familia Mazza

D'oro, al leone di rosso, tenente colle branche anteriori una mazza di argento.

Mazza o Mazzi di Modena. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

8 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro, alla banda doppiomerlata d'argento, accompagnata da un lambello di rosso posto nel canton sinistro del capo.

Mazza di Napoli. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

9 Blasòn de la familia Mazza

Interzato in fascia; nel 1° d'oro, all'aquila di nero; nel 2° d'argento, al leone passante di rosso impugnante colla branca anteriore destra una mazza di .... ; nel 3° d'argento, a tre pali di rosso.

Mazza di Pesaro. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

10 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro, a due mazze d'oro, passate in croce di S. Andrea, legate con nastro rosso, bordato d'oro.

Mazza di Reggio Calabria, insigniti del titolo di Baroni. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

11 Blasòn de la familia Mazza

D'argento, alla banda di nero, caricata di un grifo d' oro tenente un mazzapicchio dello stesso, essa banda accostata da due rose di rosso. Cimiero: Una rosa di rosso posta fra un volo di nero.

Mazza del Trentino. Fonte: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Escudo de la familia Mazza

12 Blasòn de la familia Mazza

Di verde, al leone di rosso, tenente tra le branche una mazza d'armi d'oro, posta in banda.

Mazza di Ovada.

Escudo de la familia Mazza

13 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro, a due mazze d'armi decussate e legate, il tutto d'oro.

Mazza e Mazza Tedeschi di Sicilia, titoli: baroni di Villallegra e San Todaro, di Toscano e di Mandrile, Sellia; nobili dei baroni . Fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Escudo de la familia Mazza

14 Blasòn de la familia Mazza

D'azzurro, al leone leopardito d'oro, tenente con la branca destra una mazza d'arme (o clava) al naturale, e sostenuto dalla campagna bandata di otto pezzi d'argento e di rosso; il tutto sormontato da un'aquila dal volo spiegato di nero, coronata d'oro.

Mazza di Arezzo. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 5984.

Escudo de la familia Mazza

15 Blasòn de la familia Mazza

Troncato: nel 1° d'azzurro, al leone leopardito d'oro, tenente con la branca destra una clava al naturale; nel 2° bandato di otto pezzi d'argento e di rosso; al capo d'azzurro caricato dell'aquila dal volo spiegato di nero, coronata d'oro.

Mazza di Arezzo. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 5984.

Escudo de la familia del Mazza

16 Blasòn de la familia del Mazza

D'azzurro, a due martelli (o mazze d'arme) decussati d'oro, legati di....

del Mazza o Mazzi di Firenze, Santa Maria Novella, Unicorno. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 3097.

Escudo de la familia del Mazza

17 Blasòn de la familia del Mazza

Troncato: nel 1° d'azzurro, al cane corrente d'argento, collarinato di rosso; nel 2° d'oro, a due fasce di rosso (oppure di rosso, a due fasce d'oro).

del Mazza di Firenze, Santa Maria Novella, Lion Rosso. Si trova anche il cognome del Mazza dall'Ancisa , per un ramo della famiglia staccatosi nel XV secolo. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 3099.

Escudo de la familia del Mazza

18 Blasòn de la familia del Mazza

D'azzurro, al leone d'oro tenente in palo con le branche anteriori una mazza d'arme dello stesso.

del Mazza di Firenze, Santa Maria Novella, Lion Rosso e Unicorno. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 3098.

Escudo de la familia Mazza

19 Blasòn de la familia Mazza

Troncato: nel 1° d'azzurro, al cane corrente d'argento, collarinato di rosso; nel 2° d'oro, alla gemella in fascia di rosso.

del Mazza di Firenze, Santa Maria Novella, Lion Rosso. Si trova anche il cognome del Mazza dall'Ancisa , per un ramo della famiglia staccatosi nel XV secolo. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 3099.

Escudo de la familia Mazza

20 Blasòn de la familia Mazza

Di rosso, a tre martelli (mazzuoli) al naturale, 2.1.

del Mazza di - Firenze, Santa Croce, Ruote. Fonte: "Raccolta Ceramelli Papiani" custodita presso l'archivio di stato di Firenze, fasc. 3100.

Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook