EU Aviso cookies: Este sitio hace uso de cookies técnicos y estadísticos, incluyendo terceros cookies. Puede inhibir su uso mediante el ajuste de la configuración del navegador de cookies. Privacy. No, yo no acepto
Ok cierra la alerta
  1. Home
  2. Búsqueda apellido
  3. Resultados de la búsqueda
  4. Origen del apellido

Origen del apellido Racoli, país de origen: Italia

Nobleza: Marchesi
Rastro heráldico de la familia: Racoli
Corona de la nobleza Racoli
Famiglia delle più antiche tra le nobili di Reggio, fu signora di un castello denominato della Tacula, di cui si conserva solo il ricordo e si ignora la sua precisa ubicazione. Bonitacca, detto Bonvicino della Tacula, vive l'anno 1096. Ad un placito, tenuto in Reggio l'anno 1136 dalla moglie dell'imperatore Lotario, assistevano con altri signori e vassalli Cacciaguerra e Oliverio della Tacula. Presero parte attiva alle fazioni cittadine, diedero alla patria consoli, difensori del popolo, anziani, sapienti, consiglieri e priori, sostennero per il Comune frequenti ed onorevoli ambascerie ed uffici pubblici. Più volte, nei secoli XIII e XIV, li troviamo tra i riformatori e compilatori del patrio statuto. Fuori ressero podesterie e capitanati del popolo a Ferrara, a Bologna, a Lucca, a Bergamo, a Parma, a Cremona e altrove. Possedevano presso Reggio, nella villa detta delle Piante una torre che fu distrutta da Feltrino Gonzaga, allora signore di Reggio, l'anno... Continuará
1351. Possedevano pure un priorato intitolato a San Giacomo Zebedeo fondato con la chiesa omonima da Achille, arcidiacono di Reggio, vivente ancora l'anno 1173. Particolare menzione meritano: Gherardo (1183), vescovo di Belluno che governò anche per il temporale e morì in Guerra contro i trevigiani l'anno 1196; Gasparino, di Grassendonio che nel 1378 tenne l'ufficio di gudice dei Savi in Ferrara adoperandosi nella riforma degli Statuti di quella città, e nel 1381 fondò in Bologna un collegio per studenti del Giure appartenenti alla sua famiglia, Pagano, professore di leggi in Treviso circa l'anno 1313. I vari rami in cui andò divisa la famiglia furono ascritti al patriziato di Reggio con Riformagioni del 15 gennaio e 30 aprile 1670 e 17 dicembre 1688, 20 dicembre 1723 e 10 dicembre 1793. Achille, di Pietro Tacoli, già commissario ducale in Ferrara, venne dal duca Rinaldo I, con chirografo 11 marzo 1710, investito del comune di Valdalbero nel Frignano col titoli di conte per sè e figli e discendenti; lo stesso fin dal 26 aprile 1704 era stato ascritto coi figli e discendenti in perpetuo al patriziato di Ferrara. Da lui nacquero Nicola (1690-1768), che vestì l'abito ecclesiastico, fu priore della chiesa di San Giacomo su menzionata e indefesso ricercatore di notizie storiche riguardanti la sua famiglia e la o I, della Giurisdizione e villa di San Possidonio eretta in marchesato trasmissibile ai figli e discendenti maschi in linea primogenita.
Comprar un documento heráldico de Racoli

Para obtener más información o pregunta, por favor no dude contáctenos:

Escudo de la familia: Racoli

Blasòn de la familia

Troncato: nel primo d'argento all'uccello (tricola) di nero posato sulla troncatura; nel secondo di rosso pieno.
Comprar Escudo de la familia

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook