Heraldrys Institute of Rome
Language Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español

Origem do sobrenome De Marzi, país de origem: Italia

Nobreza: Nobili
Heráldica da família: De Marzi
Coroa de nobreza De Marzi I De Marzi furono dei Nove, risieduti nel 1277. Un Muzio referendario di Gregorio XIII, luogotenente del Cardinal Vicario, fu governatore di varie città dello stato pontificio. Giovanni ambasciatore nel 1545; Dino podestà di Recanati nel 1449, e nel 1454 ambasciatore al Re di Napoli e ad altri. Altro ramo. Fiorirono due famiglie nobili di tal nome in Pesaro, ambedue estinte. Altra famiglia alzò per arma. Spaccato; nel 1° d'azzurro, al noce al naturale, accostato da un uccello color cenere rampicante sul fusto; nel 2° d'argento, a tre bande di rosso. La presenza del motto nella bibliografia documentata della famiglia... Continua
ci conferma l'avita nobiltà raggiunta della casata. Infatti l'origine del motto risale a circa il XIV secolo e deve essere ricercata in quei detti arguti che venivano scritti sui vessilli o bandiere dei cavalieri, esposti alle finestre delle locande in cui questi alloggiavano, in occasione dei tornei, e durante i tornei stessi. Il motto era un pensiero espresso in poche parole facente allusione a un sentimento palese o nascosto, a una qualità, a un ricordo storico, per stimolo al coraggio o onore. Era scelta dal capo della famiglia, dal cavaliere entrante in lizza o data dal sovrano al proprio uomo ligio. Motto della famiglia: Bene docet.

Compre um documento heráldico sobre família De Marzi

Escudo da família: De Marzi

Brasão da família

D'azzurro, alla fascia doppiomerlata d'oro, accompagnata da due M majuscoli all'antica d'oro, coronati dello stesso, uno in capo, ed uno in punta.
Compre Escudo da família

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook