EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Berarducci, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Berarducci
Corona nobiliare Berarducci Fin dallo scorcio del secolo XIV trasmigrarono in Bisceglie, ove tuttora fioriscono. Un ramo pose sua stanza in Castelbellino di Jesi intorno alla metà del secolo XV. Dai Berarducci di Teramo uscirono parecchi magistrati e due vescovi. Ippolito, Vescovo di Caserta, e Orazio Vescovo di Bitonto. Carlo V nel 1528 confermava loro la nobiltà. Illustre famiglia italiana, una delle più antiche e nobili degli Abruzzi. Il primo ceppo al dir di F. Sansovino nell'opera " Origini e fatti delle famiglie illustri d'Italia, stampato in Venezia nel 1770. Da molte antiche memorie, e autentiche scritture, che si hà vedute della nobilissima famiglia, chiaramente si scorge, che sia originaria Abruzzese, ove in molte imprese militari i personaggi di questa Casa ferono chiara la lor virtù. Lo stemma della famiglia Berarducci è: Inquartato: nel primo d'azzurro, a tre stelle di raggi d'argento male ordinate; nel secondo di verde, a tre stelle di... Continua
sei raggi d'oro male ordinate; nel terzo d'oro, a tre vulcani di rosso vomitanti fiamme dello stesso; nel quarto partito, a) di rosso nella mezz'aquila di nero coronata d'oro e movente della partizione, b) d'azzurro, a tre pesci d'argento posti in fascia, uno sull'altro. Cimiero: Un'aquila d'argento.

Compra un documento araldico su Berarducci

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Berarducci

Stemma  della famiglia Berarducci

1 Blasone della famiglia Berarducci

Inquartato: nel primo d'azzurro, a tre stelle di raggi d'argento male ordinate; nel secondo di verde, a tre stelle di sei raggi d'oro male ordinate; nel terzo d'oro, a tre vulcani di rosso vomitanti fiamme dello stesso; nel quarto partito, a) di rosso nella mezz'aquila di nero coronata d'oro e movente della partizione, b) d'azzurro, a tre pesci d'argento posti in fascia, uno sull'altro. Cimiero: Un'aquila d'argento.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook