EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Merlisena, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Merlisena
Corona nobiliare Merlisena
Antica e nobile famiglia Ascolana che riconiosce come suo capostipite un Giovanni, nato nella seconda metà del secolo XV. Ascrita alla primaria nobiltà patriziale fece parte del Consiglio dei Cento; e con i suoi membri ricoprì le più alte cariche di Console e Anziano. Ebbe illustri personaggi nelle scienze e nelle arti; nella carriera militare e nella ecclesiastica. E' da ricordare un Camillo, valoroso architetto che progettò ed eseguì importanti costruzioni nella sua Ascoli-Piceno; Ignazio che fu insigne poliglotta e allievo del famoso cardinale Mezzofanti. Nella seconda metà del secolo XVIII la famiglia si divise in due rami: Luigi Maria (1742-1803) ebbe due figli: Giuseppe Maria (1767-1834) capo del ramo primogenito; e Francesco Emidio (1779) capo del ramo secondogenito. Questi due rami esistono tuttora al primogenito fu riconosciuto il titolo Patrizio di Ascoli Piceno (mf.) con lettere della Consulta Araldica il 28 gennaio 1914; al secondogenito pure fu riconosciuto lo... Continua
stesso titolo (mf.) con lettera in data 23 aprile 1927. Altro ramo. Riccio, figlio di Merlo, celebre giureconsulto, fiorente nel XVI secolo, fu insignito della cittadinanza di Mantova, per sé e suoi discendenti, da quel duca, di cui era uditore, e servì i conti di Correggio come giudice arbitro nelle loro contese di famiglia, ed avvocato con assegno di 400 scudi d'oro, e fu inoltre per due volte uditore di Rota a Genova. Anche Ascanio, di lui padre, era stato insigne giureconsulto e podestà di Mantova. Giampietro, fratello di Ascanio, esimio medico e filosofo, fu podestà di Lucca; Ippolito fu preposito di S. Quirino di Correggio, e segretario del celebre Cardinale Girolamo da Correggio; Borso, fratello d'Ippolito, fu Vescovo di Bobbio e canonico di S. Maria Maggiore di Roma. Altra nobile famiglia, ormai estinta, originaria di Modena. Il commendator G.B. di Crollalanza riporta la blasonatura di questa famiglia nei volumi del suo Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane. Altro ramo. Antica e nobile famiglia originaria di Bologna.

Compra un documento araldico su Merlisena

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Merlisena

Blasone della famiglia

D'azzurro al monte di sei cime di verde all'italiana sostenente un merlo di nero; con la campagna di argento caricata di tre bande di rosso.
Merli delle Marche. Citato in "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI", vol. IV.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook