1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Murgioni, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Cavalieri
Traccia araldica della famiglia: Murgioni
Corona nobiliare Murgioni
Antica ed illustre famiglia sarda, con residenza in Sorso, provincia di Sassari, propagatasi, nel corso dei secoli, in diverse regioni d'Italia. I Murgioni avevano un grosso patrimonio e pubblicamente erano considerati nobili; nel 1634 ottennero il riconoscimento del cavalierato ereditario e della nobiltà, con i fratelli Antonio ed Alfonso, i quali furono ammessi allo stamento militare, nel 1643, durante il Parlamento Avellano. I figli di un nipote di Antonio, un altro Antonio, diedero vita a diversi rami; da Francesco discese il ramo che continuò a risiedere a Sorso; da Gavino discese il ramo che si trasferì a Nulvi, con suo figlio Giovanni e che si estinse nel secolo XIX; da Maurizio discese il ramo dei Murgioni di Sassari. A tal famiglia, inoltre, appartenne il celeberrimo P. Cornelio, dotto e pio gesuita del secolo XVI, nato nel 1599 in Butiocoro, o Bortiocoro, piccola terra ora distrutta del contado di Goccano. Studiò... Continua

la filosofìa in Cagliari, con molta reputazione di buon ingegno; ma, disgustatosi di buon'ora delle cure del secolo e della vita mondana, abbracciò, nel 1623, l'institulo lojolitico. Nel noviziato si fece ammirare per la sua pietà, per lo spirito di orazione e per la sua cieca obbedienza. A queste virtù accoppiò una purità ed un disprezzo maraviglioso di se medesimo. Fu il primo ministro del collegio sassaritano, poi di quello di Cagliari e di Iglesias, e quindi superiore della casa di probazione, nei quali uffizi di tutti si conciliò la stima ed il rispetto dei suoi confratelli. Dopo le occupazioni di dovere il suo tempo fu costantemente diviso tra lo studio e 1'orazione. Amava particolarmente la solitudine ed era uno dei suoi motti più frequenti l'antico ricordo monacale: pax est in cella, foris aulem plurima bella. I suoi lumi risplendettero particolarmente nella predicazione, e nelle frequenti missioni da lui date al popolo, delle quali lasciò i monumenti alla posterità. Morì il 12 gennaio 1640, lasciando nome d'uomo molto pio. Abbiamo di lui le Orazioni sacre per tutte le domeniche dell'anno, scritte in lingua spagnola e divise in tre volumi. Altro ramo. Famiglia del Mandrolisai, le cui notizie risalgono al secolo XVIII. Apparteneva alla borghesia agraria ed i suoi membri esercitavano le professioni liberali o erano ecclesiastici. Nel 1809 ottenne il cavalierato ereditario e la nobiltà con il dottor Salvatore; nel 1827 i privilegi furono concessi anche a suo cugino Francesco Maria di Neoneli, che però non fu in grado di pagare le relative tasse e, pertanto, non ne ebbe la conferma. Tra i personaggi che, maggiormente, resero lustro a tal casato, senza nulla levar al valore degli omessi, ricordiamo: Antonio, dottor di leggi, canonico e protonotario apostolico, vivente in Cagliari, nel 1831; P. Francesco, dei Minori Osservanti, vivente in Cagliari, nel 1832; avv. Francesco Ignazio, volontario nell'intendenza generale, vivente in Cagliari, nel 1835; avv. Onorato, giudice al mandamento di Iglesias, vivente in Cagliari, nel 1837. I cognomi così antichi, senza dubbio alcuno, rendono decoro non solo alle famiglie ma anche alle città che li hanno accolti; pare siano, infatti, molto riguardevoli i soggetti viventi di questa famiglia che, con tanto decoro, sostentano questo nobile cognome, che ha avuto vari soggetti illustri.


Compra un documento araldico su Murgioni

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Murgioni

Blasone della famiglia

D'azzurro con un leone d'oro stante in piedi in profilo e rivolto alla parte sinistra con tre stelle d'argento nella parte superiore del campo e quella di mezzo un po' pi
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook