EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Salvodelli, provenienza: Italia

Titolo: Marchesi - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Salvodelli
Corona nobiliare Salvodelli
Si vuole che sia originaria dalla Toscana o da Genova; passata prima in Napoli e poi in Sicilia, dove godette nobiltà in Messina nei secoli XIII e XIV e in Palermo. Un Pietro Salvodelli, figlio di Marco, ottenne il 22 novembre 1449 investitura della metà del feudo di Bertolino o Mezzo Catuso; del quale feudo vennero investiti il 30 ottobre ed il 21 gennaio 1517 Francesco; figlio di Pietro; il 29 aprile 1551 Calogero, figlio di Francesco, e il 30 gennaio 1563 Paolilla, figlia di Calogero. Un Egidio Salvodelli e Castiglia, di Messina, con privilegio dato in Madrid il 23 aprile 1573, esecutoriato in Palermo il 1 novembre dello stesso anno, ottenne per sè e suoi concessione del titolo di regio cavaliere e dello stemma gentilizio; un Vincenzo, da Termine Imerese, il 30 aprile 1798, ottenne un attestato di nobiltà dal Senato di Palermo, fu segretario della Legazione del Re... Continua

delle Due Sicilie presso la Corte Austriaca e, con privilegio 10-31 agosto 1814, ottenne la concessione del titolo di marchese di Pietraganzili; Francesco, giudice della Gran Corte del Regno delle Due Sicilie (dec. 1902), marito di Aurea Cozzo e padre di Giuseppe, letterato, scrittore alla Biblioteca Vaticana e bibliotecario capo della Nazionale di Palermo (dec. 1925); Giuseppina in Bonanno; Narciso, già consigliere comunale e assessore del Comune di Palermo e subeconomo dei Benefici Vacanti della Diocesi di Palermo e di Monreale, cavaliere dell'Ordine della Corona d'Italia; Clementina in Salvodelli; Beatrice in Rotondo ed Egidio; Rosario (marito di Viola Lo Faso e padre di Giuseppe, Antonio, Giacinto, Umberto, Vittorio, Arnoldo, Giuseppina, Attilio e Giovanni), (padre di Giuseppe e Adele). Vincenzo Salvodelli e Sciarrino, marchese di Pietraganzili, sposò Giovanna Sollina e fu padre Giuseppe, marchese di Pietraganzili e marito (4marzo 1878) di Caterina Ugo, figlia del marchese Pietro e di Elisabetta Valguarnera dei principi di Niscemi. Da tale matrimonio nacquero: Vincenzo; Giovanna, moglie a Rodrigo Licata dei principi Baucina; Elisabetta; Maria Antonietta; Rosalia, moglie al conte Ignazio de Sarzana; Franca e Maria Luisa, moglie del nobile Gustavo Salvodelli dei marchesi di Pietraganzili. Altro ramo. Da un privilegio del re Filippo il 25 ottobre 1575 risulta che Santo e Santoro furono consiglieri nei magistrati di Napoli e giuese di Pietrangasili.


Compra un documento araldico su Salvodelli

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Salvodelli

Blasone della famiglia

Partito: al primo di oro all'aquila di nero uscente dalla partizione: al secondo d'argento alle tre bande di azzurro caricata ciascuna di una ruota d'oro.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook