1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Origine del cognome Sardo, provenienza: Italia

Nobiltà: Baroni - Nobili - Signori
Traccia araldica della famiglia: Sardo
Corona nobiliare Sardo
Famiglia siciliana che trae origine da un Gilotta o Giulio, cittadino nobile di Messina e figlio di Giovanni Gilberto che pare si trasferisse in Castiglione di Sicilia verso il 1523. Sposò in Randazzo, nel 1531, Marianna Varisano e Lanza e nel 1540 fu governatore di Castiglione e di Aidone con tutte le podestà civili e criminali. Fu aggregato alla nobiltà messinese ed a quella Senatoria Mastra Nobile. Furono insigniti, con privilegio del 18 febbraio 1618 di Filippo III, del titolo di don in persona di Caterina, e di tutti i discendenti maschi e femmine in perpetuo del predetto suo marito. Questa famiglia ebbe dottori in ambo le leggi, giudici, consultori, arcipreti, abati, protonotari apostolici, camerieri di onore dei pontefici, cavalieri di Malta, cavalieri del S. Sepolcro e della Corona, sindaci e giurati. Con D.M. 23 luglio 1926, completato dietro regolare reclamo 16 novembre 1927, con nuovo D.M. 6 settembre 1928, ...
... Continua
Compra un documento araldico sulla famiglia Sardo

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Sardo

Stemma  della famiglia Sardo

1 Blasone della famiglia Sardo

D'azzurro a quattro pali di rosso; col capo del primo carico di tre gigli d'oro, 2 e 1.

Blasone della famiglia Sardo dalla Sicilia. Fonte: "Enciclopedia Storico-Nobiliare Italiana di V. SPRETI" vol. VI.

Stemma  della famiglia Sardo

2 Blasone della famiglia Sardo

D'azzurro, a tre pali d'oro; con tre gigli dello stesso, 2 e 1, attraversanti sul tutto.

Blasone della famiglia Sardo da Lentini. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Sardo

3 Blasone della famiglia Sardo

D'azzurro, a tre fascie d'oro, sormontate da tre gigli dello stesso, ordinate in fascia.

Blasone della famiglia Sardo da Trapani. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Sardo

4 Blasone della famiglia Sardo

D'azzurro, alla torre d'argento, torricellata e merlata, ed un guerriero a cavallo, armato di tutto punto, con lancia d'argento, camminante verso la torre, il tutto fondato sulla pianura erbosa al naturale.

Blasone della famiglia Sardo dalla Sardegna. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Sardo

5 Blasone della famiglia Sardo

D'azzurro, alla sardella d'argento in fascia; col capo cucito di rosso, a tre stelle d'oro, ordinate in fascia. Cimiero: Una testa di balena d' azzurro, la bocca aperta, la gola di rosso, con un pesciolino d' argento uscente da essa. — Motto : Inest Sua Gloria Parvis.

Blasone della famiglia Sardo. Fonte bibliografica del blasone: "Dizionario storico blasonico delle famiglie nobili e notabili italiane estinte e fiorenti" vol.II, compilato dal Comm. G.B. di Crollalanza, edito presso la direzione del giornale araldico, Pisa 1888.

Stemma  della famiglia Sardo

6 Blasone della famiglia Sardo

D’azzurro, a quattro pali d’oro, e tre gigli dello stesso, posti 2 e 1 attraversanti sul tutto.

Blasone della famiglia Sardo della Sicilia; fonte: "Nobiliario di Sicilia" di Antonio Mango di Casalgerardo (Palermo, A. Reber, 1912).

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook