EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Spatuzzi, provenienza: Italia

Titolo: Nobili
Traccia araldica della famiglia: Spatuzzi
Corona nobiliare Spatuzzi
Famiglia Bresciana di antiche memorie. L'ascendenza documentata risale infatti al secolo XIV ed il cognome "de Patuxis" ricorre spesso nelle cronache del tempo. Al principio del '400 vivevano in provincia, nel paese di Paderno in Franciacorta, e in Brescia sotto la Parrocchia di San Faustino. Imerico, Patussio e Vegino figurano tra i nobili bresciani che bene meritarono della Patria durante il feroce assedio di Nicolò Picinino nel 1438. L'ultimo dei tre sopramenzionati ebbe discendenti e precisamente Lorenzo che fu Giurisperito, Capitano della Valcamonica e poi della Riviera di Salò. Furono suoi figli Giovanni Battista, dottore in legge, ancora vivente nel 1534 e Gerolamo che ebbe tre figli i quali continuarono la nobile tradizione famigliare di inclinazione agli studi legali. Di essi infatti Gio. Francesco fu notaro e Bernardino, dottore in legge. Un terzo fratello di costoro Lorenzo padre di onorio e di altro Lorenzo. Sin dalla Serrata del Consiglio... Continua
Generale della Nobiltà bresciana avvenuta nel 1488 vi ebbero diritto a sedere e furono al Libro d'Oro. Dal terzo Lorenzo nel 1583 nacque Ugo che fu padre di Giovanni-Battista e Onorio; il primo di questi due fratelli ebbe tre maschi senza discendenza, mentre Onorio generò Pietro.

Compra un documento araldico su Spatuzzi

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Spatuzzi

Blasone della famiglia

Inquartato: alla croce patente d'azzurro sulla inquartatura; nel primo e quarto di nero a due frecce piumate di argento e poste in decusse; nel secondo e terzo d'oro al turco, nel terzo punto rivoltato, con faretra in spalla e scimitarra al fianco con arco teso e freccia in mano in atto di scagliarla in s
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook