EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Tolomeo, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Tolomeo
Corona nobiliare Tolomeo
La famiglia di Pistoia è un ramo della illustre e storica famiglia dei conti omonimi di Siena, riconosciuto con due atti solenni (19 gennaio 1622), rogito ser Claudio Bandini in Siena, e 11 ottobre 1709 rogito Giuseppe Maria Torrenti in Siena) e porta uguale lo stemma. Scemata la gran potenza di questa famiglia in Siena, nella seconda metà del secolo XIV, molti di essi espatriarono diramandosi a Roma, Napoli, Macerata, Ferrara e Pistoia. Qui venne Tommeo di Jacomo di Francesco nel 1390 e si stabilì a Piuvica, località distante tre miglia dalla città: egli aveva per moglie Costanza di Ranuccio Saracini, della nobilissima famiglia senese; suo figlio Papero o Passero, sposò Caterina Panciatichi, e Tommeo figlio di Papero o Passero, sposò Marietta Forteguerri. La famiglia Tolomei fu ascritta alla nobiltà pistoiese nel 1576. Il Priorista per la città di Pistoia compilato nel 1635 da Pandolfo Arferuoli e conservato nell'Archivio Capitolare... Continua
del Duomo (mss. 51), contiene il seguente "Raccolto d'onde abbino avuto origine i casati o vero cognomi di molte famiglie di Pistoia e donde discese" che recita alla voce Tolomei: da Tolomeo di Michele, terzo di detta famiglia, 1387 - da Piuvica. Domenico del detto Passero fu tra gli squittinati al priorato nella nuova patria d'adozione. Francesco, di Jacopo, suo nipote, risieduto nel Supremo magistrato nel 1555, fu due anni appresso Operaio di S. Jacopo, ed ebbe due figli: Bartolomeo, coniugato in prime nozze, con Baccina Cellesi e in secondi voti, con Agnoletta Odaldi; fu capostipite di due linee: quella di Camillo, marito di Margherita Sozzifanti, e padre di Bartolomeo, dal cui figlio Francesco nacquero Camillo, Guidotto, Giovanni e Baronio, il primo dei quali unitamente allo zio paterno Ignazio, di Bartolomeo, di Camillo, chiese l'ascrizione della famiglia al patriziato pistoiese, concessa con decreto 14 aprile 1755; da Baronto suddetto, sposato a Teresa Sozzifanti, vennero il cav. Francesco Atto, Giovan Carlo, Giuseppe e tre femmine; e dal primogenito di questi, marito di Anna Ippoliti, nacquero Baronto nel 1810, Filippo Caterino nel 1812, Carlo Odoardo nel 1822, e quattro femmine. Quella di Francesco, che da Monaca Vanni ebbe Andrea, padre di Giuseppe, il cui figlio Andrea, coi fratelli Francesco e Ranieri, ottenne col deciliare Italiano col titolo di patrizio di Pistoia (mf.
Compra un documento araldico su Tolomeo

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Tolomeo

Blasone della famiglia

D'azzurro alla fascia d'argento, accompagnata da tre mezzelune montanti d'argento, due in capo ed una in punta.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook