EU Avviso cookies: Questo sito fa uso dei cookies per migliorare la sua esperienza. Se non li gradisse può inibirne l'uso regolando il suo browser nella sezione strumenti e modificando le impostazioni dei cookies. Informazioni sulla privacy. Non Accetto
OK Accetto Chiudi questo avviso.
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Tortima, provenienza: Italia

Titolo: Nobili - Patrizi
Traccia araldica della famiglia: Tortima
Corona nobiliare Tortima
Il Manno nel riferire alcuni dati genealogici sui Tortima di Pavia - ed ignorando totalmente quelli di Tortona - commenta l'origine a loro attribuita con un punto esclamativo assai significativo: "Oriundi di Roma e da Manlio Torquato!". I due consoli romani, vissuti uno nel IV secolo a.C. e l'altro un secolo dopo, avevano entrambi due nomi donde, secondo ipotetiche congetture, il cognome di Tortima assunto da un loro discendente unendo la prima sillaba dei due nomi e stabilitosi poi in Pavia in tempi altrettanto remoti! E da parte nostra aggiungiamo un secondo ed ancor più significativo punto esclamativo. Bando alle origini chimeriche, che nel passato costituivano l'indispensabile coreografia del ceto patrizio affetto da psicosi mitologica - Giulio Cesare si protestava discendente di Venere - troviamo effettivamente i Tortima all'inizio dell'XI secolo alla testa di un movimento di indipendenza avvenuto nel 1024 precedendo di un secolo l'analogo rivolgimento tortonese: numerose famiglie... Continua
tra le più influenti del Pavese si ribellarono alla soggezione di Ottone II di Lomello conte del sacro palazzo reggendosi in "Comune Signorile" (Guasco di Bisio, diz. Feud., 1218). Da Pavia si diffusero nel Vogherese ed in Tortona ove a Rotta dei Tortima, secondo un manoscritto del vescovo di Vigevano mons. Toppia, Cesare edificava nel 1095 una chiesa dedicata a S. Michele ed eretta poi in rettoria con cura d'anime e di "Jus patronatus" laicale della famiglia. E' presumibile che i Tortima unitisi alle casate più cospicue sorrette dal popolo ad arte istruito ed incitato non fossero estranei alla estromissione nel 1090 della decadente amministrazione imperiale sostituita da una prima forma di governo autonomo comunale. In pochi decenni la nuova reggenza ebbe agio di affermarsi e concretarsi colla costituzione nel 1122 del "Comune Signorile di Tortona" cui i Tortima parteciparono, consolidando così l'ordinamento delle magistrature e relativi poteri giurisdizionali; con tale atto Tortona si sottraeva definitivamente all'autorità imperiale, ed ai membri di dette casate venne conferito l'onorifico attributo di "De Civitate Terdona". Già nel 1131 si rintraccia un Enrico Tortima che il primo e 3 ottobre è teste in atto steso al monastero del Salvatore di Pavia relativo all'acquisto di beni in Montosi.
Compra un documento araldico su Tortima

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Tortima

Blasone della famiglia

D'argento alla croce potenziata di nero.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook