Heraldrys Institute of Rome
Heraldrys Institute of Rome in Italiano Heraldrys Institute of Rome in English Heraldrys Institute of Rome em Português Heraldrys Institute of Rome auf Deutsche Heraldrys Institute of Rome en Español
  1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Origine del cognome Voma, provenienza: Italia

Titolo: Conti - Nobili
Traccia araldica della famiglia: Voma
Corona nobiliare Voma Ritenuta originaria di Francia, la Famiglia Voma si stabilì dapprima nella Sicilia orientale, quindi in Erice, con un Pietro, ascritto al Patriziato cittadino nel 1420, suddividendosi nel corso dei secoli in differenti rami. Uno di questi, sul finire del 1500, prese dimora a Calatafimi, con un Fabio. Da costui discese Filippo il quale, il 3 ottobre 1605, sposò Brigida Castiglione dalla quale ebbe due figli: Giuseppe e Francesco. Giuseppe si trasferì a Trapani ove, il 7 gennaio 1649, condusse il moglie Francesca Conti. Da questo matrimonio nacquero Filippo, Concetta e Saveria. Filippo nato il 25 giugno 1672 fu colui che maggiormente illustrò questa linea. Datosi con alacrità d'animo agli studi si laureò in utroque iure e tenne in Trapani con moltissima lode l'ufficio di Giudice del Magistrato. Vestì l'abito religioso del Terzo Ordine Francescano, seguito nell'esempio dalle sorelle Concetta e Saveria. Le sue splendide virtù e generosi sentimenti non rimasero... Continua

senza adeguato compenso. Difatti, Filippo V di Spagna, con privilegio del 28 novembre 1702, lo insignì del titolo di Barone di San Saverio, con tutti i diritti e privilegi gentilizi trasmissibili ai suoi discendenti in perpetuo. Prese parte allo Stamento Militare nelle adunanze del Parlamento. Condusse in moglie l'eccellentissima Donna Giuseppa Laudicina. Cessò di vivere il 16 aprile 1737 lasciando di se bella e onorata memoria. Il figlio primogenito Giuseppe, consacratosi alla vita ecclesiastica, ebbe posto tra i canonici in Patria e diede di se luminoso esempio. Il secondogenito Matteo, innamoratosi pure esso di quella vita, fu sacerdote dall'impeccabile esistenza. A proprie spese fece edificare una Chiesa campestre dedicata al SS. Crocifisso. Ebbe pure Filippo tre figlie: Francesca, maritata il 20 ottobre 1743 con Vincenzo Todaro, Caterina, nata l'11 febbraio 1725 e Vita. Tornando alla discendenza di Filippo figlio di Fabio, il figlio secondogenito Francesco menò in moglie il 10 settembre 1656 Pietra Bosco, da cui ebbe Filippo, congiuntosi il 22 gennaio 1702 con Maria Palma. Da Filippo discese Vito, il quale sposò il 28 aprile 1743 Giuseppa Paolina, da cui ebbe Michele. Costui sposò il 7 febbraio 1790 Arcangela Calabrese e subito dopo traslocò dall'originaria Calatafimi a Vita, dove nacquero Vito e Giuseppa.


Compra un documento araldico su Voma

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico: tel. +39 393 2258835 (orario 10-18) , Sms 24h/24

Stemma della famiglia: Voma

Blasone della famiglia

D'argento spaccato alla croce di rosso, al capo all'aquila spiegata di nero.
Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook