1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome

Ricerca Cognome

Origine del cognome Cottu, provenienza: Italia - Francia

Nobiltà: Nobili
Variazioni cognome: Cotta
Traccia araldica della famiglia: Cottu
Variazioni cognome: Cotta
Corona nobiliare Cottu
Nobile famiglia originaria della contea di Nizza, e propriamente della città di Sospello, come rilevasi da Sigismondo Alberti storia della città di Sospello e sue figlie nobili, e dal Villabianca Opuscoli. Fu portata in Sicilia nel XVI secolo Commendansi: Giovanni Imperiali Cottù barone del Nadore per l'acquisto dello stato e baronia di Nadore presso Sciacca col mero e misto impero, e col dritto e la potestà di fabbricare e popolare terra di vassallaggio; indi cominciò a fabbricare in Gaddini, feudo dello stesso di Nadore, la terra di Roccaforte che per le vicende de' tempi non giunse a popolarsi. Fu egli il primo marchese di Roccaforte investito 1750, avendolo commutato con quello di Jannò da lui acquistato; inoltre comprò i feudi nobili delli Sigiani nel territorio di Paceco, e nel 1762 dal duca di Cesarò la poderosa baronia del Godrano con vassallaggio, facendo così gloriosamente entrare per come scrive il Villabianca ...
... Continua
Compra un documento araldico sulla famiglia Cottu

Per informazioni non esiti a contattare il nostro esperto Araldico:

Stemma della famiglia: Cottu
Variazioni cognome: Cotta

Stemma  della famiglia Cottu

1 Blasone della famiglia Cottu

Di rosso, a tre monti d'argento moventi dalla punta caricati da un serpe attortigliato in fascia di nero: sormontati da una fede di carnagione, le braccia vestite d'argento; col capo cucito d'azzurro caricato da tre stelle di otto raggi d'oro.

Blasone della famiglia Cottu o Cotta dalla Sicilia. Fonte: "Blasone In Sicilia ossia Raccolta Araldica" V. Palizzolo Gravina, Palermo 1871-75, p. 160-161.

Compra una riproduzione dello Stemma

Heraldrys Institute of Rome on Facebook

Heraldrys Institute on Facebook
© 2016 - 2017 Heraldrys Institute of Rome

Social Network

Heraldrys Institute on Facebook