1. Home
  2. Ricerca Cognome
  3. Risultato della Ricerca
  4. Origine del cognome Digiuli

Cognome: Digiuli

Dossier: 822014
Lingua del testo: Italiano
Nobiltà: Conti - Nobili
Nobili in: Italia


Traccia araldica :
Digiuli

Acquista

Corona nobiliare DigiuliIn seguito a proposta della magistratura civica di Siena del 30 settembre 1837, furono, con rescritto granducale del 15 giugno 1838, ascritti al ceto nobile di quella città i professori Francesco Ranieri e Giuseppe Antonio e il capitano Ferdinando Luigi, figli di Carlo Digiuli, di Francesco, di Lorenzana. Alberto, di Domenico, di Ferdinando, fu con decreto 2 giugno 1927 autorizzato ad usare nel regno il titolo pontificio personale di conte. La famiglia è iscritta nell'Elenco Nobiliare Ufficiale col titolo di Nobile di Siena (maschi e femmine) in persona dei: Discendenti da Carlo, di Giuseppe, di Carlo. Discendenti da Domenico, di Ferdinando Luigi, di Carlo. Altro ramo. Ramo di un omonima famiglia senese. Domenico di Ferdinando, fu senatore del Regno. Suo figlio Alberto ebbe cospicue onorificenze per aver occupato i primari uffici tanto che S.S. Pio X con Breve del 14 agosto 1907 lo insigniva del titolo di conte. Altro ramo. ...
Continua

Blasone Digiuli

Stemma della famiglia Digiuli

Stemma della famiglia

Partito: nel 1° d'oro, nel 2° partito d'azzurro e d'argento alla stella a otto punte attraversante d'oro, e al castello turrito di un pezzo di rosso attraversante sulla partizione;

Acquista
Verba Volant, Scripta Manent
(Le parole volano, gli scritti rimangono)
Compra ora un documento araldico professionale

Stiamo costruendo il più grande archivio digitale di stemmi al mondo
assicura un posto alla Tua Famiglia

Vai al Catalogo

Ricerca Cognome

Come fare una ricerca araldica preliminare

É possibile fare una ricerca preliminare all'interno del nostro archivio. Circa 100.000 tracce araldiche, origini dei cognomi, blasoni e stemmi nobiliari sono disponibili gratuitamente. Basta scrivere il cognome desiderato nella form qui sotto e premere invio.


Heraldrys Institute of Rome on Facebook